Gruppo UNIQA, semestrale 2015 in positivo per utili e raccolta premi

Andreas Brandstetter Imc

Andreas Brandstetter Imc

Utile delle attività ordinarie (+5,2% a 190,8 milioni di Euro) e utile netto consolidato (+27,3% a 156,3 milioni) in rialzo per il gruppo assicurativo austriaco, che registra inoltre un progresso a doppia cifra per i premi contabilizzati: +13,5% a 3,55 miliardi. In miglioramento anche il combined ratio, che scende di 1,3 p.p. a 97,1%. Il CEO Brandstetter ammonisce tuttavia sulle tendenze di crescita della raccolta nel prosieguo dell’esercizio, visto l’attuale difficile contesto dei tassi di interesse. Il gruppo mantiene tuttavia l’obiettivo di un utile delle attività ordinarie a fine 2015 tra 425 e 450 milioni di Euro

Primi sei mesi 2015 decisamente positivi per UNIQA Insurance Group, che ha chiuso l’esercizio intermedio con risultati in progresso sia per l’utile delle attività ordinarie (+5,2% a 190,8 milioni di Euro) che per l’utile netto consolidato, salito del 27,3% a 156,3 milioni.

Molto buone anche le indicazioni provenienti dai premi contabilizzati, che hanno registrato una crescita del 13,5% a 3,55 miliardi di Euro, trainati principalmente dai consistenti volumi della raccolta in premi unici dei rami Vita (+91,8%) – con il canale bancario del mercato italiano in primo piano – e dal positivo sviluppo nel comparto delle assicurazioni sanitarie (+4,1% a 505,4 milioni). La raccolta del segmento Vita ha segnato un complessivo +32,3% a 1,62 miliardi, mentre il comparto Danni è risultato in progresso dello 0,4% a 1,42 miliardi anche a causa della flessione dei volumi nelle assicurazioni Auto.

Rispetto alla semestrale 2014, i costi operativi di Gruppo sono saliti del 5,5% per cento a 685,2 milioni di Euro, mentre sono stati mantenuti sotto controllo i costi di acquisizione, saliti solo del 6,8% (a 490,1 milioni) nonostante il forte incremento nella raccolta complessiva. Gli altri costi operativi (spese amministrative) sono aumentati del 2,5% a 195,2 milioni. Il rapporto costi di Gruppo è sceso di quasi due punti percentuali (da 22,3% a 20,6%), influenzando positivamente anche il combined ratio, che ha registrato un miglioramento di 1,3 p.p. a 97,3%, favorito anche da un minore impatto delle perdite assicurate sui conti societari.

Il CEO di UNIQA, Andreas Brandstetter (nella foto), si è detto soddisfatto dell’andamento dei primi sei mesi dell’anno ma ha ammonito sul prosieguo dell’esercizio: “Riteniamo che la crescita registrata nel primo semestre tenderà a rallentare nel corso dei prossimi trimestri, visto che il perdurante contesto di bassi tassi di interesse andrà a compromettere i volumi complessivi di sviluppo dei premi unici Vita (e la compagnia ritiene che effetti negativi saranno riscontrabili anche sul rapporto costi di Gruppo, ndIMC). Nonostante il quadro si presenti sfidante, manteniamo le nostre previsioni per gli obiettivi di fine anno”. Confermate quindi le indicazioni per il risultato della gestione ordinaria, che dovrebbe oscillare tra 425 e 450 milioni di Euro.

Intermedia Channel


UNIQA – Presentazione risultati primi sei mesi 2015 (in inglese)

UNIQA – Report primo semestre 2015 (in inglese)

Related posts

Top