Gruppo Vaudoise Assicurazioni: Utile consolidato in rialzo nel 2013

Vaudoise Assicurazioni - Sede di Losanna Imc

Vaudoise Assicurazioni - Sede di Losanna Imc

Risultato ordinario prima delle imposte di 152,8 milioni di franchi svizzeri e utile consolidato netto in rialzo del 3,4% a 126,4 milioni di franchi. Crescita dei settori strategici degli affari non vita e vita nettamente superiore alla media del mercato svizzero. Proposto un aumento del 10% a 11 franchi per il dividendo da azione nominativa B

Il 2013 del Gruppo Vaudoise Assicurazioni (nella foto, la sede di Losanna) si è chiuso con un soddisfacente risultato ordinario di 152,8 milioni di franchi svizzeri (125 milioni di Euro) prima delle imposte. L’utile consolidato netto dopo le imposte è in rialzo di 4,2 milioni di franchi rispetto all’anno precedente e si attesta su 126,4 milioni di franchi (103,5 milioni di Euro). Il Consiglio d’amministrazione proporrà all’Assemblea generale ordinaria del 12 maggio p.v. di aumentare del 10%, portandolo a 11 franchi, il dividendo per azione nominativa B. La Vaudoise Generale porterà nel 2014 a 28 milioni di franchi la ridistribuzione di una parte dell’utile ai suoi clienti.

Questo eccellente risultato, realizzato grazie a una crescita degli affari non vita e vita superiore alla media del mercato svizzero, a un onere di sinistri e di costi ben gestito, nonché a risultati degli investimenti che si mantengono a un livello molto elevato, incoraggia il Gruppo a proseguire la sua strategia basata sulla prossimità e sul mercato svizzero”, ha dichiarato il direttore generale Philippe Hebeisen.

Crescita sostenuta nei settori non vita
I premi acquisiti nelle assicurazioni non vita sono evoluti in maniera positiva (745,1 milioni di franchi nel 2013 contro 708,8 milioni nel 2012 – 610 milioni di Euro contro 580 milioni). Tutti i settori assicurativi non vita risultano in crescita. I premi emessi registrano un aumento del 4,2% in un contesto di mercato svizzero che cresce soltanto dell’1,4%. Il settore veicoli a motore, il più importante del portafoglio della Vaudoise, è in rialzo del 4,2%. Le assicurazioni persona hanno a loro volta registrato un andamento positivo (infortuni: +2,8%; malattia collettiva: +9,1%). Il combined ratio (rapporto sinistri e spese sui premi) resta molto favorevole e raggiunge il 92,4%, in leggero rialzo rispetto all’anno scorso (89,2%).

Crescita dei premi vita sul mercato svizzero
Il portafoglio di prodotti di previdenza a premi periodici della Vaudoise Vita è aumentato del 2,9%, a fronte di un calo dello 0,1% del mercato svizzero. Il perdurare dei tassi d’interesse a un livello storico molto basso ha per contro costretto la Compagnia, come l’anno scorso, a mantenere contenuta l’offerta di assicurazioni tradizionali a premi unici. Queste soluzioni costituite da componenti di risparmio a tasso tecnico garantito sono infatti “molto sensibili al rischio di tasso d’interesse”. La Compagnia ha per contro sviluppato una nuova gamma di prodotti meno soggetti a questo rischio, tra cui Serenity Plan. Grazie in particolare a questi prodotti detti di nuova generazione, la Compagnia ha registrato una crescita del 10,9% dei premi unici nel contesto di un mercato in calo del 3,4%. La Vaudoise Vita ha inoltre potenziato la propria riserva di garanzia per i tassi d’interesse. ValorLife, dal canto suo, ha registrato un calo dell’incasso di premi (377 milioni di franchi contro 521 milioni di franchi nel 2012 – 308 milioni di Euro contro 426 milioni) riconducibile in primis “alla contrazione degli affari in Italia nell’attesa di un probabile programma di autodichiarazione”. Grazie alla buona qualità del portafoglio e a una gestione razionale dei costi, l’utile dell’esercizio 2013 (dopo le imposte) si attesta su 6,8 milioni di franchi (5,57 milioni di Euro; +51,9% rispetto al 2012).

Solidità finanziaria: fondi propri a 1,3 miliardi di franchi
I fondi propri del Gruppo, prima della ripartizione dell’utile, sono aumentati del 13,9% rispetto al 2012 (1,3 miliardi di franchi). Beneficiando di un margine di solvibilità del 416% a fine 2013, il Gruppo Vaudoise Assicurazioni “è di nuovo stato in grado di rafforzare la sua base finanziaria”. Parallelamente, il Gruppo Vaudoise vanta una capacità di rischio, misurata secondo il Test Svizzero di Solvibilità (TSS), superiore al doppio del tasso di copertura richiesto.

Ridistribuzione ai clienti non vita riconfermata nel 2014
Sulla scorta del riposizionamento mutualista del Gruppo, la Vaudoise Generale ha costituito nel 2013 un fondo di 25 milioni di franchi e ha ridistribuito ai suoi clienti fedeli, titolari principalmente di polizze RC/Cose, l’equivalente di uno sconto sul premio del 15%. Visti i risultati 2013, “questa strategia proseguirà anche nel 2014” con la ridistribuzione di una nuova parte di eccedenze di 28 milioni di franchi a favore delle assicurazioni veicoli a motore.

Vaudoise Assicurazioni Holding SA: dividendo per azione B in rialzo
All’Assemblea generale del prossimo 12 maggio sarà proposto di fissare un dividendo di 11 franchi svizzeri per azione nominativa B (+10%). Il dividendo per azione nominativa A resterà stabile a 0,2 franchi. L’Assemblea si pronuncerà anche sul potenziamento del capitale proprio della Vaudoise Assicurazioni Holding SA, vale a dire sull’attribuzione di 30 milioni di franchi alla riserva speciale.

Prospettive 2014
Per quanto riguarda l’anno corrente, il Gruppo prevede “uno sviluppo dei suoi portafogli superiore all’evoluzione del mercato svizzero nei settori del patrimonio e delle persone non vita. Parallelamente, la Direzione veglierà per mantenere la qualità delle stipulazioni e l’evoluzione favorevole della sinistralità degli ultimi anni”.

Nel settore dell’assicurazione vita, la Vaudoise continuerà a puntare “sulla mutazione del flusso di produzione di nuovi affari a vantaggio delle assicurazioni più dinamiche che beneficiano di garanzie adattate alle condizioni del mercato”.

Il Gruppo non si discosterà inoltre dai suoi principi nella strategia di investimento. L’evoluzione dei mercati finanziari l’hanno indotto “ad aumentare ragionevolmente i suoi investimenti in azioni, conservando un livello di protezione elevato su questa classe di attivi e sulle valute”.

La Vaudoise monitorerà infine con attenzione l’evoluzione delle condizioni quadro regolamentari, “che non cessano di inasprirsi (FATCA o Legge sui servizi finanziari, per citarne due) comportando un aumento della complessità dei processi di lavoro e, quindi, delle spese di gestione”. In tale contesto, conclude la compagnia, “la solidità dei risultati e del bilancio del Gruppo consente di guardare al futuro con fiducia”.

Intermedia Channel

Related posts

Top