HANNOVER RE: NEL 2013 L’UTILE NETTO HA RAGGIUNTO IL MASSIMO STORICO

Ulrich Wallin ImcRisultato netto di Gruppo in crescita del 5,4% a 895,5 milioni di Euro (849,6 milioni di euro). Il combined ratio migliora di quasi un punto percentuale: 94,9% dal 95,8% del 2012. Proposto un dividendo di 3 Euro per azione. Il Gruppo si attende un utile netto 2014 attorno agli 850 milioni di Euro

Hannover Re ha superato comodamente il proprio target di utili previsti per il 2013, chiudendo l’anno con il nuovo massimo storico di 895,5 milioni di Euro di utile netto. Il CEO del gruppo riassicurativo tedesco, Ulrich Wallin (nella foto), ha spiegato che la performance “è stata guidata dall’ottimo risultato tecnico nel settore della riassicurazione danni, che ha migliorato di 63 milioni di Euro il consuntivo dell’anno scorso. Il risultato netto di Gruppo ha inoltre beneficiato di positivi effetti fiscali“. Il Comitato esecutivo ed il Consiglio di Sorveglianza proporranno pertanto all’Assemblea generale la distribuzione di un dividendo ordinario di 3 Euro, equivalente ad un payout ratio del 40% sull’utile netto di Gruppo.

Dopo aver registrato aumenti a due cifre nei premi lordi dal 2009 al 2012, nell’esercizio passato Hannover Re ha generato una crescita dell’1,4% dei propri ricavi. I premi lordi 2013 sono infatti saliti a 14 miliardi di euro dai 13,8 miliardi del 2012. Il risultato operativo (EBIT) di Gruppo è sceso a 1.229,1 milioni di Euro (dai 1.393,9 milioni dell’esercizio precedente). Nonostante l’ottimo risultato conseguito nella riassicurazione danni, la mancanza degli speciali effetti positivi registrati nel precedente esercizio nonché altri impatti negativi relativi agli swap sull’inflazione hanno infatti impattato per complessivi 113,4 milioni di Euro. Il comparto riassicurativo vita e salute ha invece consegnato risultati al di sotto delle aspettative.

Nella riassicurazione danni i tassi si sono ridotti in maniera considerevole in alcune aree geografiche a causa di una maggiore concorrenza, ma il Gruppo ha mantenuto un focus molto disciplinato nei settori di business che potessero soddisfare gli obiettivi previsti. Il volume dei premi lordi nel comparto è così aumentato dell’1,3% a 7,8 miliardi di euro (7,7 miliardi di euro).

In generale, le perdite assicurate nel 2013 si sono rivelate inferiori al preventivato, nonostante Germania e Canada siano state pesantemente influenzate dalle perdite da catastrofi naturali. La tempesta tropicale Andrea si è rivelata l’evento più costoso del 2013 per il settore assicurativo a livello mondiale; è stato così anche per Hannover Re, con un impatto sul bilancio del Gruppo per 99,3 milioni di Euro. Le inondazioni in Germania e in altri paesi europei hanno ugualmente lasciato il segno, con un effetto negativo totale di 92,5 milioni di euro. Le spese totali per le catastrofi sono costate al Gruppo 577,6 milioni di Euro, poco meno di 100 milioni in più rispetto al 2012 (477,8 milioni). Il combined ratio è migliorato di quasi un punto percentuale rispetto al 2012, passando dal 95,8% al 94,9%.

La crescita dei ricavi si è manifestata anche nell’ambito del comparto riassicurativo vita e salute, anche se ad un ritmo meno sostenuto rispetto agli esercizi precedenti. I premi lordi del comparto si sono infatti incrementati dell’1,4% a 6,1 miliardi di Euro. Il risultato, segnala il Gruppo, non ha performato all’altezza delle aspettative principalmente a causa del rafforzamento delle riserve di alcune attività in Australia nel comparto delle disabilità.

Prospettive per il 2014

Per l’esercizio 2014 Hannover Re prevede premi lordi tendenzialmente stabili o in leggera crescita. Nell’ambito della riassicurazione danni il Gruppo sta cercando di perseguire una politica di volumi di premi sostanzialmente stabili che rifletta la propria visione assuntiva selettiva ed orientata alla profittabilità; nel comparto riassicurativo vita e salute, Hannover Re prospetta un moderato aumento dei volumi, non superiore al 5%. Il Gruppo punta inoltre a un ritorno sugli investimenti del 3,2%.

Le perdite assicurate preventivate dovrebbero aggirarsi sui 670 milioni di Euro. Se questo obiettivo verrà centrato e non vi saranno movimenti inaspettatamente negativi sul mercato dei capitali, il Gruppo si attende per l’anno in corso un utile netto attorno agli 850 milioni di Euro.

Hannover Re – Riepilogo risultati esercizio 2013 (in inglese)

Intermedia Channel

Related posts

Top