Helvetia, quando il rischio diventa arte: inaugurata la mostra «All-Risk» presso la sede di Basilea

huber.huber - Zwischen Skylla und Charybdis Imc

huber.huber - Zwischen Skylla und Charybdis Imc

Il gruppo assicurativo espone per la prima volta – nel nuovo Art Foyer presso la sede di Basilea alla Steinengraben – svariate opere provenienti dalla collezione aziendale, fra cui lavori di huber.huber, Guido Nussbaum e Roman Signer. La mostra durerà fino alla fine di febbraio e sarà visitabile ogni giovedì dalle 16 alle 20

Sotto il titolo «All-Risk», nel nuovo Art Foyer aziendale presso la sede di Basilea alla Steinengraben, Helvetia Assicurazioni espone disegni, dipinti, collages, video fotografie e oggetti di Julian Charrière, collectif_fact, Pascal Danz, huber.huber, Luzia Hürzeler, Luc Mattenberger, Guido Nussbaum, Gustavo Riego, Roman Signer e Anna B. Wiesendanger.

Il titolo della mostra – evidenzia la compagnia in una nota – “si riferisce a un concetto ben specifico del ramo assicurativo: le assicurazioni all-risk includono tutti i rischi che non sono esplicitamente esclusi nella polizza. L’idea dei molteplici rischi, talvolta quasi inimmaginabili costituisce il tema centrale della mostra”. Tutte le opere esposte quindi si confrontano “con le minacce reali o ipotetiche a cui i propri beni e la propria incolumità sono esposti”.

Il gruppo di artisti ginevrini collectif_fact ha ad esempio realizzato una videoproduzione che riproduce scene di vita quotidiana tratte dal Natural History Museum di Londra. In un crescendo costante, la situazione inscenata, le cui immagini sono tra l’altro accompagnate in sottofondo dalla voce di Alfred Hitchcock, si rivela sempre più minacciosa. huber.huber si dedicano invece a una minaccia di tutto altro genere. Nella loro serie di immagini «Zwischen Skylla und Charybdis» hanno creato un collage con cartoline vintage raffiguranti polipi giganti e motivi di barche a vela (uno dei soggetti è riprodotto nell’immagine in apertura di articolo).

Le opere esposte provengono dalla collezione d’arte Helvetia, integrate da prestiti del «Kunstkredit Basilea-Città», della galleria Stampa di Basilea e della galleria Rotwand di Zurigo. La collezione d’arte Helvetia “che, con oltre 1700 opere di circa 400 artisti è una delle più significative collezioni d’arte contemporanea svizzera”, sarà quindi maggiormente accessibile al pubblico. L’Helvetia Art Foyer (ingresso libero) è aperto al pubblico ogni giovedì dalle 16 alle 20. La compagnia prevede di utilizzare questo spazio espositivo in futuro per numerose mostre all’anno.

Intermedia Channel

Related posts

Top