HOME INSURANCE: L’IVASS RICEVE ANAPA

ANAPA LoRes (2)

ANAPA, attraverso una rappresentanza costituita dal Vice Presidente Alessandro Lazzaro e da Pasquale Laera,  ha incontrato, nella giornata del 27 febbraio, L’IVASS. La consultazione è parte integrante delle audizioni messe in atto dall’Ente di Vigilanza in merito all’adozione della disciplinare regolata dal DL sviluppo bis con particolare riferimento alle tematiche esposte dall’art. 22 comma 8 e definito Home Insurance.

L’associazione di categoria ha ribadito all’IVASS “la necessità di definire dei percorsi attuativi che tengano presente la complessità di questo cambiamento sia per le Agenzie sia per le Compagnie“. Obiettivo di ANAPA è, da un lato, “mantenere centrale il diritto del cliente all’accesso ad informazioni effettivamente utili e trasparenti, dall’altro definire i confini di un processo che deve essere sostenibile per gli agenti“.

A questo scopo diverse sono state le tematiche affrontate. È stata innanzitutto posta l’attenzione sulla necessità di un allineamento dei sistemi informativi di Compagnia e di quelli agenziali, oggi nella maggior parte dei casi inadeguata alla necessità di rendere fruibili dati corretti al consumatore.

In secondo luogo l’associazione ha sollevato “la necessità ineludibile di un percorso di digitalizzazione a accesso alle informazioni che sia progressivo nel tempo in modo da affrontare la complessità dei dati di portafoglio evitando di generare inesattezze informative, oltre che di ricadere come onere gestionale, se non legale, esclusivamente sugli agenti“.

La volontà condivisa resta quella di dare sia profondità e attendibilità maggiore alle informazioni per il consumatore, sia la capacità di elaborazione delle stesse da parte delle agenzie. ANAPA è consapevole “che le condizioni di polizza non possono più costituire un’informativa esaustiva in quanto, spesso, svincolate dalle effettive garanzie di copertura, ed è ancor più consapevole che la rivoluzione digitale deve costituire non un ostacolo ma un’occasione di evoluzione sia per i tanti professionisti attivi. Un’evoluzione che dovrà essere sostenuta sia dalla capacità di ascolto del legislatore e delle Associazioni coinvolte sia da adeguate campagne informative verso il consumatore e agli operatori“.

Intermedia Channel

Related posts

Top