IL MINISTRO PASSERA PRESENTA IL CONTRATTO BASE RC AUTO

Presentazione Contratto Base RC Auto Imc

Molta attesa per la presentazione del Ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera (nella foto) del “contratto base” per l’assicurazione obbligatoria della responsabilità civile auto alla stampa, alle istituzioni, ad Ivass, Ania, rappresentanti dei consumatori ed alle associazioni di categoria. La conferenza stampa ha esposto le motivazioni che hanno portato alla stesura del decreto.

L’obiettivo del governo è la riduzione del costo assicurativo per gli utenti, attraverso una maggiore concorrenza spinta dal confronto delle tariffe.

Il “contratto base” che tutte le compagnie dovranno offrire, anche sui loro siti web, prevede in particolare: massimale minimo di legge; nessuna franchigia; guida libera; facoltà di rivalsa da parte della compagnia solo nei casi più gravi (per esempio guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di stupefacenti o violazione di norme di sicurezza).

Il consumatore sarà libero di scegliere clausole particolari, con l’effetto della riduzione o aumento del premio – ad esempio, se volesse limitare la guida ad un solo utente “esperto” avrebbe diritto ad un premio inferiore – così come se volesse installare un dispositivo satellitare o accettare la riparazione del veicolo solo presso strutture convenzionate.

Attraverso il divieto di rinnovo automatico dei contratti e la forte spinta al confronto tariffario si auspica una riduzione della spesa assicurativa rc auto, stimata oggi a 18 miliardi di euro per anno.

Il decreto verrà presentato al Consiglio di Stato ed alla Corte dei Conti, percorso che potrebbe terminare già a maggio, lasciando poi 15 giorni per l’entrata in vigore. Un tempo ristretto per le compagnie, che dovranno adeguare i propri sistemi informatici alla disposizione di utenze online per i consumatori, per la consultazione di contratti e garanzie.

Corrado Baldinelli, segretario generale dell’Ivass, si è espresso a favore dell’integrazione con la governance bancaria per una maggiore uniformità di processo. Baldinelli si è detto inoltre favorevole anche a tavoli di lavoro con le parti interessate.

In rappresentanza dei consumatori, Francesco Avallone di Federconsumatori ha ricordato come questo percorso sia stato fondato sulle richieste da parte delle associazioni dei consumatori di interventi legislativi mirati alla soluzione di un aggravio di spesa incrementato negli anni. Anche Pier Giorgio Pistone, Responsabile rapporti con le OO.SS. di Unapass, ha chiesto maggiore ascolto delle rappresentanze degli intermediari nello stabilire le regole di un sistema che vuole migliorare.

Consulta e scarica la Presentazione del Contratto Base

Consulta e scarica lo Schema di Decreto

Consulta e scarica il Contratto Base

Intermedia Channel (in collaborazione con Roberto Menichelli)

Related posts

One Comment;

  1. FERRERO ALESSANDRO said:

    Non c’e bisogno di fare un decreto queste condizioni di contratto sono già applicate dalle Compagnie.

    Ma chi vuole prendere in giro il ministro.

    E noi lo paghiamo anche?

Comments are closed.

Top