Il Progetto ELITE di Borsa Italiana e la partnership con ANIA

Progetto ELITE Imc

Progetto ELITE Imc

“Il tessuto industriale italiano, costituito da numerose realtà imprenditoriali di piccole e medie dimensioni deve seguire necessariamente un percorso di crescita finalizzato ad aumentare la propria competitività a livello internazionale. Una maggiore e diffusa cultura manageriale, finanziaria e organizzativa e l’opportunità di accedere a forme alternative di finanziamento rappresentano i potenziali driver per lo sviluppo economico di tali imprese e del Paese”. Anche per questi motivi, Borsa Italiana ha lanciato nel 2012 il progetto ELITE, una società del gruppo London Stock Exchange nata con l’obiettivo “di creare un punto d’incontro tra il fabbisogno finanziario di medio-lungo termine delle PMI italiane e le specifiche esigenze di investimento degli investitori istituzionali”.

ANIA, l’associazione delle imprese assicurative, ha deciso di stipulare una partnership con ELITE, allo scopo di accrescere la capacità del sistema assicurativo di investire in asset alternativi.

La Partnership ANIA-ELITE, spiega l’associazione nell’ultimo ANIA Trends, prevede in particolare “la realizzazione da parte di Borsa Italiana di servizi e occasioni di incontro rivolti specificatamente alle compagnie di assicurazione oltre che l’impegno a fornire ad ANIA ed alle associate supporto e materiale informativo sulla Piattaforma ELITE Club Deal e sui servizi offerti”.

A luglio 2016 ELITE è stata integrata con una filiera di servizi aggiuntivi tra cui la citata ELITE Club Deal (ECD), piattaforma online “dedicata allo strumento del private placement, aperta a strumenti di debito, equity e convertibili”.

Per accedere a nuovi capitali privati (equity o debt funding), spiegano ancora da ANIA, le aziende ELITE possono avvalersi del supporto di banche, consulenti finanziari, avvocati e revisori (‘Partner ELITE’) per la preparazione dell’informativa e della documentazione aziendale necessaria per operare sulla piattaforma. Gli investitori istituzionali, i private equity e le società di venture capital (‘Cornerstone Investors’), hanno l’opportunità di accedere ai dati dell’azienda e di negoziare i termini dell’accordo come ‘Lead Investors’ sulla piattaforma in condizioni di massima completezza informativa. Le opportunità di investimento sono in seguito rese accessibili ai ‘Follow-on Investors’ tra cui family offices, private banking e altri investitori professionali.

In termini operativi, ELITE ha identificato, in particolare, una soluzione di sistema – ELITE Basket Bond – basata sull’emissione di titoli garantiti da obbligazioni emesse da società ELITE “con identiche caratteristiche in termini di durata e di tasso ma con ammontare e covenants differenti”. Questa soluzione, evidenziano da ANIA prevede:

  1. la sottoscrizione delle obbligazioni da parte di uno Special Purpose Vehicle (SPV);
  2. l’emissione, da parte dell’SPV, di un’unica tipologia di titoli di ammontare pari alla somma dei singoli strumenti sottoscritti;
  3. il collocamento dei titoli presso una platea di investitori istituzionali attraverso la piattaforma ELITE Club Deal.

Una delle peculiarità dello strumento è la garanzia di cui beneficiano i titoli emessi dalla SPV, fornita in forma mutualistica dalle stesse società emittenti (credit enhancement).

I requisiti richiesti alle società per accedere alla piattaforma prevedono: l’assenza di quotazione, un fatturato compreso tra 40 e 500 milioni di euro, rendiconti finanziari certificati relativi agli ultimi tre anni. Sono escluse le micro-imprese, le start-up e le società in risanamento.

I bond sottostanti hanno specifiche caratteristiche in termini di importo (non superiore al credit enhancement), durata (compresa tra sette e dieci anni), rimborso (tasso di interesse fisso), prezzo di emissione (pari al 100% dell’ammontare emesso). Inoltre, i bond emessi sono classificati come titoli di debito senior non garantiti e sono dotati di opzioni callable in linea con gli standard di mercato.

I titoli emessi dallo SPV sono caratterizzati da importo pari alla somma delle singole emissioni dei sottostanti, durata legale pari a pochi anni oltre la scadenza delle obbligazioni, tasso di interesse fisso, prezzo di emissione pari al 100% dell’ammontare.

Lo scorso dicembre, sottolineano dalla associazione delle imprese assicurative, è avvenuta la prima emissione obbligazionaria di sistema (“ELITE Basket Bond I”) promossa da ELITE in partnership con Banca Finint. L’operazione ha coinvolto dieci società ELITE e si è conclusa con il collocamento di un bond di ammontare pari a 122 milioni di Euro, con durata dieci anni e sottoscritto dalla Banca Europea per gli Investimenti (BEI) e da Cassa Depositi e Prestiti (CDP), rispettivamente per il 50% e il 33%. Il bond inoltre gode di un credit enhancement di 18,3 milioni, pari al 15% dell’ammontare totale emesso.

Intermedia Channel

Related posts

Top