IL PUNTO – 22.11

L'editoriale del lunedì

Si chiuderà questa settimana la partita del Decreto Crescita Bis in X Commissione Industria del Senato; non appena sarà dato il via libera politico su alcuni emendamenti – riferiti ancora a pochi articoli tra i quali l’articolo 22 – il testo passerà all’esame dell’aula. Sembrerrebbe esserci ampia condivisione sul ripristino dei 15 giorni di proroga per le scadenze annuali della rc auto, sulla limitazione dei siti delle Compagnie alla sola funzione informativa, alla riduzione dei carichi e degli oneri amministrativi; la questione delle collaborazioni, che vede decisamente divisi intermediari e consumatori da un lato e le imprese dall’altro, dovrebbe rimanere, verosimilmente con qualche modifica, nel corpo della legge, mentre sembra non trovare alcuno spazio la proposta di modifica dell’art. 34.

Così facendo il settore dell’intermediazione ritornerebbe alle normali pratiche di collaborazione tra agenti che avvenivano fino all’anno 2005, prima che il Regolamento 5 dell’Isvap ne decretasse il divieto per interpretazione propria del testo unico delle assicurazioni. Ma sarebbe comunque da interpretare come un successo la mancata eliminazione contestuale dell’art. 34, come richiesto esplicitamente da alcune associazioni dei consumatori e solamente da una delle 2 organizzazioni sindacali degli agenti?

Si vorrebbe far credere, come apparso ieri sull’articolo de “Il Sole 24 Ore” a pag. 31, che la scissione definitiva tra lo SNA e Cirasola sia dovuta alle differenti posizioni sulle collaborazioni? Non esistono divisioni tra agenti monomandatari e plurimandatari sui processi di liberalizzazione, ed è sbagliato voler far credere che i conservatori siano i monomandatari ed i progressisti i pluri: la visione liberale della professione è del tutto trasversale, come è trasversale quella contraria.

Intermedia Channel

Related posts

One Comment;

  1. Francesco said:

    Sono d’accordo che sui processioni di liberalizzazione siamo tutti monomandatari e plurimandatari, quelle che non son d’accordo sono le compagnie….

Comments are closed.

Top