In corso Dive In 2018, il festival per la diversità e l’inclusione nel settore assicurativo

Lavoro - Team - Collaborazione (2) Imc

Lavoro - Team - Collaborazione (2) Imc

Nella due giorni di lavori, oggi e domani, ci si confronterà sui progressi registrati dal settore in ambito Diversity & Inclusion “e dei benefici apportati a tutto il comparto, evidenziando casi di successo e fornendo idee e ispirazione per realizzare cambiamenti positivi”

Un festival per promuovere la diversità e l’inclusione nel settore assicurativo attraverso un calendario di eventi in 50 città di 27 paesi di tutto il mondo, compresa l’Italia. Questo è Dive In, l’iniziativa promossa dai Lloyd’s, a partire dal 2015, con l’obiettivo di diffondere una cultura dell’inclusione in un settore tradizionalmente conservatore.

Nel corso di una due giorni di eventi, tra oggi e domani, i manager di Chubb, CNA Hardy, Generali Italia, Lloyd’s, Marsh, Willis Towers Watson, AXA XL e Oliver James Associates – le società che supportano il festival in Italia – si confronteranno sui progressi registrati dal settore in ambito Diversity & Inclusion “e dei benefici apportati a tutto il comparto, evidenziando casi di successo e fornendo idee e ispirazione per realizzare cambiamenti positivi”.

Con una percentuale del 64% di donne sul totale degli occupati, si legge nella nota di presentazione. il settore assicurativo italiano è tra i pochi a maggioranza femminile, superando altre industrie affini come il settore bancario (45%). Allo stesso tempo, secondo quanto evidenzia il Gender Gap Report 2018 di Job Pricing, con un divario di genere negli stipendi (Gender Pay Gap) pari al 24,2%, è il settore che vede un divario maggiore tra la retribuzione degli uomini e delle donne.

“Sembrerebbe ancora lunga la strada da percorrere per raggiungere una reale gender equity in questo settore – prosegue la nota – che negli ultimi anni ha dovuto affrontare una trasformazione radicale per adattarsi all’evoluzione tecnologica del mercato. Per questo, dopo tre anni di sensibilizzazione sulla diversità e l’inclusione, non solo di genere ma anche di disabilità e di orientamento sessuale, il movimento globale Dive In incoraggia tutto il settore a passare all’azione con la nuova campagna: Awareness into Action e il tema del 2018: #time4inclusion.

Dell’importanza di prepararsi al futuro attraendo professionisti dalle caratteristiche differenti, in grado di dare valore aggiunto all’offerta, discuteranno nella giornata di oggi a Milano tre esperti di Diversity & Inclusion. Barbara Falcomer, direttore generale di Valore D, parlerà della diversità come leva per la produttività; Emanuele Serelli dell’Università degli studi di Milano – Bicocca, affronterà il tema dal punto di vista biologico; Maria Cristina Origlia, managing director del mensile del Sole 24 Ore, L’Impresa, parlerà di diversità da una prospettiva etica.

La seconda giornata (domani, mercoledì 26 settembre) vedrà lo svolgimento di Unconscious Bias”, workshop sul pregiudizio inconscio tenuto da Luca Brambilla (docente della Business School del Sole 24 Ore) e una tavola rotonda sulla leadership femminile nel settore assicurativo.

Per ulteriori informazioni sugli eventi in programma nel nostro Paese si può consultare la pagina di Dive In dedicata al programma dei lavori di Milano.

Intermedia Channel

Related posts

Top