INTERROGAZIONE DI GIORGIO HOLZMANN (PDL) SULL’ART. 22 DEL DL CRESCITA 2.0

Giorgio Holzmann Imc

Lo scorso 23 novembre, l’on. Giorgio Holzmann (PDL, nella foto) ha presentato un’interrogazione parlamentare al ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera riguardante l’art. 22 del DL Crescita 2.0:

Al Ministro per lo sviluppo economico, premesso che:

con il DL “Misure urgenti per la crescita”, il Governo all’art. 22 modifica sostanzialmente i rapporti assicurativi tra contraente ed imprese ed abolisce il tacito rinnovo; tale disposizione sta creando notevolissimi problemi nel ramo responsabilità civile autoveicoli perché:

  • Costringe le compagnie, ovvero le agenzie, a stipulare ex novo tutti i contratti con un notevole aggravio di tempo e di costi (che graveranno sugli utenti);
  • Elimina la copertura di 15 giorni, prestata dall’assicuratore a favore dell’assicurato, dopo la scadenza del premio per evitare scoperture;
  • Non c’è stata adeguata pubblicità ed è ipotizzabile che saranno numerosissimi coloro che ritenendo di avere ancora qualche giorno di tempo potrebbero provvedere al pagamento del premio assicurativo in ritardo senza sapere di essere scoperti;
  • In caso di scopertura l’assicurato rischia gravi sanzioni amministrative ma, soprattutto, potrebbe essere esposto al pagamento di importi di risarcimento rilevanti in caso di sinistro;
  • Le aziende che sovente preferiscono avere le polizze assicurative delle proprie flotte tutte con la medesima scadenza, non potranno più averle perché nel tempo si distribuiranno con scadenze diverse in tutto l’arco dell’anno con ulteriori costi amministrativi e di perdite di tempo, in quanto non è più possibile avere durate superiori all’anno solare e quindi non si potranno fare i cosiddetti “ratini” per uniformare le scadenze.

Ciò premesso si chiede al Ministro di sapere se sono state ben valutate le gravi conseguenze della disposizione e se il Governo intenda modificare la norma.

On. Giorgio Holzmann

Intermedia Channel (in collaborazione con Emanuela Di Cioccio)

Related posts

2 Comments

  1. VALENTINA said:

    pIENAMENTE D’ACCORDO CON L’ONOREVOLE….PER LE AGENZIE SARà UN GRANDE AGGRAVIO DI LAVORO E SPESE E PER L’UTENZE SARà SOLO UN DANNO…. BISOGNEREBBE STARE PIù ATTENTI QUANDO SI PROMULAGANO LE LEGGI E STUDIARSI NELLA PRATICA IL SETTORE!!!

  2. EMANUELE said:

    Sono d’accordo con l’onorevole,solo chi viene dalla gavetta puo’ conoscere le problematiche del settore e quindi semplificare le norme.

Comments are closed.

Top