IoT Insurance Observatory e American Family Insurance presentano il paper “Smart Home Insurance”

Smart home - Connected home - Casa intelligente Imc

Smart home - Connected home - Casa intelligente Imc

Sotto la guida di Matteo Carbone, esperto mondiale di insurtech (insurance technology), si è svolta giovedì scorso a Madison (Wisconsin, USA) la prima sessione plenaria della edizione 2019 del North American IoT (Internet of Things) Insurance Observatory. I lavori hanno raggruppato executives provenienti da molte realtà operanti nell’IoT assicurativo: AF Group, Allstate, American Family, AmTrust, Cambridge Mobile Telematics, Comcast, Data Reply, Encompass, EVO, Farm Bureau Financial Services, Hartford Steam Boiler, HCS Capital, Homesite, Novarica, Munich Re, Scor, State Farm, Swiss Re, The General e The Hartford.

Uno dei momenti più importanti di questa sessione dell’Osservatorio è stata la presentazione del paper “Smart Home Insurance”, realizzato da IoT Insurance Observatory in collaborazione con American Family Insurance. Il documento – si legge in un una nota – offre una visione concreta e pragmatica delle opportunità che gli assicuratori hanno nel segmento Smart home.

Il report contiene infatti una serie di approfondimenti degli aspetti chiave per i trend in ambito Smart home, delle implicazioni per il mercato delle assicurazioni Casa e delle preferenze del consumatore. Nella parte finale gli autori spiegano inoltre quali sono gli elementi essenziali che un assicuratore debba avere per poter rispettare la promessa di una proposta di valore per il comparto Smart home.

“Dal percorso di innovazione che American Family sta facendo abbiamo imparato una lezione importante, cioè che il semplice fatto di dare al cliente un nuovo gadget è inutile: bisogna erogare servizi. Questo richiede la creazione di processi efficaci, la mobilitazione di capacità adeguate e l’attivazione di partnership. Vedo l’IoT come una grande opportunità per il settore assicurativo statunitense, se il potenziale della tecnologia verrà interamente sfruttato – ha dichiarato Carbone, fondatore e direttore dell’IoT Insurance Observatory –. Spero che questo paper ispirerà altri player del mercato ad essere ambiziosi per quanto riguarda i loro progetti per la Smart home insurance. Solo così si può creare un cerchio virtuoso di value-sharing con gli assicurati, compresa una maggiore frequenza di interazione con essi. Rappresenta anche un modo ottimo per creare conoscenza e per generare esternalità positive verso l’intera società. Questa è la strada per far sì che gli assicuratori rimangano rilevanti nella vita dei loro clienti”.

Intermedia Channel

Related posts

Top