ITAS, l’Assemblea dei delegati approva le revisioni allo Statuto sociale

ITAS - Nuova sede Imc

ITAS - Nuova sede Imc

Si è riunita ieri pomeriggio a Trento, sotto la presidenza di Fabrizio Lorenz, l’Assemblea dei delegati di ITAS Mutua (nella foto, la sede) che ha visto i rappresentanti dei soci assicurati, discutere e approvare le modifiche allo Statuto sociale della compagnia.

Lo Statuto sociale di ITAS Mutua – si legge in una nota – è stato oggetto nel corso del 2018 di un processo di revisione caratterizzato da due distinte fasi: il primo pacchetto di modifiche, contenenti tra l’altro l’introduzione della figura dell’amministratore delegato è stato approvato dall’Assemblea di marzo mentre il secondo, approfondito ieri, è finalizzato alla revisione delle regole di rappresentatività dei i soci assicurati.

“Si è trattato di un momento molto importante per la nostra Mutua – ha affermato Lorenz –. Grazie alle modifiche approvate, sapremo essere ancora più aperti ai nostri soci coinvolgendoli in maniera più ampia e democratica nelle scelte e nella vita della compagnia”.

Le principali modifiche previste, spiegano da ITAS, riguardano il sistema della rappresentatività dei soci e dei delegati dei soci assicurati che, tramite una precisa definizione dei metodi per l’individuazione dei Territori elettorali, porterà ad avere un numero di delegati coerente all’apporto al Fondo di garanzia di quelle particolari aree geografiche.

I delegati saranno nominati in apposite assemblee parziali “che costituiranno un vero e proprio strumento per tutti i soci per poter partecipare attivamente a questo importante momento, eleggendo i propri delegati provvisti di specifici requisiti reputazionali (ma non solo), valutati direttamente dalla compagnia”. Il Trentino Alto-Adige, territorio d’origine di ITAS, sarà premiato in termini di rappresentanza, “alla luce proprio del contributo storico alla compagnia fin dal 1821”, con ulteriori dieci delegati.

Il Consiglio di Amministrazione verrà poi chiamato a proporre ogni anno all’Assemblea i benefici di mutualità “che costituiranno concreti vantaggi per i soci assicurati, in modo da garantire, anche da un punto di vista economico, la massima trasparenza nel rapporto ITAS-socio”.

“Grazie a queste modifiche, la nostra Mutua si evolve in una forma più moderna, al passo con le nuove sfide del mercato assicurativo – ha proseguito Lorenz –. Le peculiarità della nostra compagnia quindi non solo vengono salvaguardate, ma si rafforzano con l’obiettivo di tutelare le esigenze di tutti i soci assicurati che sono, da sempre, il fine ultimo a cui tende l’azione, non solo assicurativa, della nostra compagnia”.

La rivisitazione delle norme statutarie è stata votata all’unanimità, “segno della grande collaborazione e volontà, tra tutti i delegati, di contribuire alla costruzione di una Mutua sempre più democratica, aperta al dialogo e in grado di sostenere le importanti crescite che il modello mutualistico sosterrà nei prossimi anni”. Le modifiche votate saranno inoltrate a IVASS per l’approvazione ufficiale e definitiva.

Intermedia Channel

Related posts

Top