ITAS: “Totale fiducia nella magistratura, siamo parte lesa”

ITAS - Nuova sede Imc

ITAS - Nuova sede Imc

Il presidente Di Benedetto: “cammino con la schiena dritta e fronte alta. Conseguentemente ogni illazione su ogni mia presunta “ricattabilità” è destituita di fondamento”

In relazione alla vicenda giudiziaria che vede coinvolto l’ex direttore generale Ermanno Grassi, attraverso una nota diffusa nella giornata di ieri ITAS (nella foto, la sede) ha confermato “la più totale fiducia nella magistratura”, cui ha offerto la più ampia collaborazione sin dall’apertura dell’indagine, fase in cui “si è altresì immediatamente costituita come parte lesa”.

Come già parzialmente anticipato in un precedente articolo, il CdA della mutua trentina, nella seduta straordinaria dello scorso 12 aprile ha manifestato all’unanimità completa solidarietà al presidente Giovanni Di Benedetto, ha accettato con effetto immediato le dimissioni del direttore generale – attivando le procedure di legge – e si è riservato ogni azione, sia in sede civile che penale “a tutela della società in relazione ai danni patrimoniali e non patrimoniali derivanti”.

“Se qualcuno mi ha “seguito” si sarà accorto che cammino con i piedi per terra schiena dritta e fronte alta. Conseguentemente ogni illazione su ogni mia presunta “ricattabilità” è destituita di fondamento – ha affermato Di Benedetto –. Voltiamo quindi la triste pagina di ieri (mercoledì 12 aprile, ndIMC), da rileggere nella sua portata oggettiva a conclusione dei lavori della magistratura. Riprendiamo da oggi con la stessa determinazione e impegno al servizio della comunità e dei nostri soci assicurati. Gli storici valori di mutualità, onestà e trasparenza vanno e saranno salvaguardati sempre a favore e nell’interesse della grande famiglia dell’ITAS”.

Intermedia Channel

Related posts

Top