IVASS, analisi sui trend dell’offerta dei prodotti assicurativi nel secondo semestre 2018

Analisi - Controllo (Foto rawpixel.com) Imc

Analisi - Controllo (Foto rawpixel.com) Imc

L’analisi periodica dell’Istituto è finalizzata a rilevare i nuovi prodotti immessi nel mercato assicurativo italiano “per cogliere i trend di offerta con particolare riferimento agli elementi di innovazione e intercettare eventuali profili di rischiosità per i consumatori”

Nei giorni scorsi l’IVASS ha pubblicato un nuovo report con i risultati delle analisi dei trend dell’offerta dei prodotti assicurativi, “al fine di fornire ai vari stakeholder un osservatorio periodico e individuare potenziali ambiti di rischio”. Si tratta del quarto documento pubblicato dall’Istituto e contiene analisi ed informazioni sul lancio di nuovi prodotti assicurativi da parte delle imprese di assicurazione relativamente al periodo di osservazione che va dal 1° luglio al 31 dicembre 2018.

Il report aggiorna il quadro sulle tendenze rilevate dall’IVASS con la pubblicazione relativa al primo semestre 2018.

Di seguito, la sintesi delle principali evidenze emerse dalla nuova analisi dell’Istituto.

Digitalizzazione: l’innovazione tecnologica si conferma come uno dei fattori propulsori dei cambiamenti in atto nelle interazioni tra l’assicuratore e i consumatori. Le compagnie intervengono in questo processo mirando ad assumere sempre più un ruolo di consulente a 360° per la risoluzione di problemi causati dai danni a persone e beni, grazie al supporto di app e ad un ecosistema digitale che ruota attorno alla prestazione dei servizi, con l’obiettivo di fornire un’assistenza cliente-centrica potenziata e attraverso diverse modalità, ossia quando lo desidera e in modalità digital, al momento dell’emergenza, in mobilità e in viaggio.

Salute e prevenzione. L’evoluzione tecnologica si propone con forza nel mercato assicurativo della Salute: le nuove iniziative lanciate nel corso del 2018 sono volte ad offrire sempre più servizi accessori a chi sottoscrive polizze sanitarie. In questo ambito si sfruttano le potenzialità delle piattaforme digitali per offrire anche servizi di prevenzione ovvero orientate al wellness.

Smart home. Per quanto concerne le offerte sull’abitazione prosegue la tendenza ad offrire, in abbinamento alle coperture assicurative tradizionali, la fornitura di dispositivi domotici connessi per la gestione degli allarmi e il controllo a distanza oltre che di prevenzione, grazie anche alla diffusione di assistenti vocali intelligenti che ottimizzano la gestione di oggetti presenti in casa (c.d. smart home speaker, ovvero dispositivi che rispondono a comandi vocali che consentono di ricevere informazioni – ad esempio sul meteo e/o sul traffico – e di impartire comandi, quali, tra gli altri, regolare luci o temperatura, eseguire e cercare brani musicali).

Instant insurance. Si intensificano le partnership tra startup insurtech e compagnie assicurative che favoriscono modelli di tipo instant insurance basati sull’offerta di micropolizze on-demand proposte nel momento in cui il cliente può averne bisogno.

Prodotti modulari. L’offerta di soluzioni “modulari” continua ad essere presente sul mercato con polizze assicurative ad “ombrello” prevalentemente orientate alla protezione della casa e della famiglia. All’interno dei moduli delle nuove offerte è possibile rinvenire coperture per rischi derivanti da acquisti e-commerce e per il ripristino dell’operatività di dispostivi mobili.

Protezione delle PMI. L’analisi IVASS rileva coperture assicurative pensate a sostegno delle attività riconducibili a piccole e medie realtà imprenditoriali, come ad esempio negozi, officine, ristoranti e bar. Oltre alle coperture classiche, come l’incendio e il furto, vengono assicurati anche il deterioramento degli alimenti, oppure i danni per atti vandalici derivanti da risse nei locali e risarcimenti per i clienti che subiscono furti; per le imprese che custodiscono auto, sono incluse garanzie per i danni ai veicoli all’aperto o per inquinamento in caso di contaminazione da olii o batterie esauste.

Rischi catastrofali. Alcune soluzioni ad hoc, nell’ambito delle assicurazioni multirischi sull’abitazione, sono state rilevate anche in considerazione dei benefici fiscali rivolti a chi sottoscrive una polizza sulla casa contro i danni da terremoti, alluvioni e altre calamità o per crolli.

Comparto Vita. L’andamento del settore vita nel 2018 si è caratterizzato per la promozione di nuove offerte di tipo multiramo, che risultano in aumento e che insieme ai prodotti di tipo rivalutabile rappresentano il core business del mercato assicurativo italiano. Se nei primi sei mesi del 2018 è proseguito il lancio di PIR c.d. assicurativi, nella seconda parte dell’anno si è assistito invece ad una contrazione. La legge di bilancio per il 2019 (L. 145/2018) ha modificato la normativa sui PIR vincolando tali fondi a investire una quota del portafoglio in strumenti finanziari emessi da PMI italiane e in fondi di venture capital. Queste norme aumentano il profilo di rischio dei PIR, strumenti di risparmio rivolti alle famiglie.

Intermedia Channel


IVASS – Report analisi dei trend dell’offerta assicurativa – Secondo semestre 2018

Related posts

Top