Kirey Group presenta Kubris, centro di innovazione per la trasformazione digitale

Intelligenza artificiale - Tecnologia - Digitalizzazione (3) Imc

Intelligenza artificiale - Tecnologia - Digitalizzazione (3) Imc

Il gruppo operante in ambito IT ha creato il proprio laboratorio di ricerca e sviluppo, “allocando risorse e competenze per promuovere l’innovazione negli ambiti tecnologici più interessanti del mercato” e supportare così al meglio i clienti del settore bancario ed assicurativo nel percorso di trasformazione digitale

Kirey Group, gruppo di aziende operante in ambito IT che riunisce le competenze di Kirey, IKS, Insirio e System Evolution, ha annunciato la creazione di Kubris, nuovo centro per l’innovazione che si focalizza sulle tematiche dell’Internet of Things, dell’intelligenza artificiale, delle reti neurali e della blockchain.

La nascita di Kubris – si legge in una nota – “è stata preceduta da un’attenta selezione di partner, sui diversi ambiti tecnologici, che potessero affiancare le risorse interne nella formazione teorica e applicata e nelle attività di ricerca, dando vita ad un laboratorio che già oggi sta realizzando sei progetti”, che riguardano in particolare l’ambito intelligenza artificiale e blockchain.

Nell’area dedicata all’intelligenza artificiale, spiegano dal gruppo, “i progetti attualmente in corso vedono il team impegnato nella creazione di soluzioni che sfruttino le reti neurali per profilare i comportamenti delle persone nella cura della propria auto, abitazione e nell’attenzione alla propria salute”. L’obiettivo è quello di “supportare le aziende del settore assicurativo nel creare polizze sempre più personalizzate, grazie alla comprensione delle abitudini degli utenti, alla capacità di anticipare i rischi di possibili incidenti o danni e di aumentare complessivamente la sicurezza”.

Nel contesto della prevenzione del rischio – prosegue la nota – nascono, fra gli altri, “i progetti di connected insurance come Smappi Car, un’applicazione mobile che funge da scatola nera su smartphone e raccoglie dati utili per analizzare e profilare abitudini e stili di guida e prevenire gli sinistri, o “Grific” un’applicazione pensata per l’ambito assicurativo, industriale e la protezione civile, che sfrutta i dati dei satelliti utili per le previsioni metereologiche per anticipare eventuali catastrofi ambientali e definire la rischiosità di specifiche aree territoriali. Questo indicatore di rischio, integrato alla soluzione per la prevenzione della casa, Smappi Home, viene utilizzato anche per contribuire a importanti progetti di smart city ai quali Kubris sta già cooperando”.

I progetti avviati nell’ambito delle reti neurali “consentiranno di realizzare una stima automatica del danno di un sinistro a partire dalla foto dello stesso e di identificare quali immagini rispecchino intenti fraudolenti”. Per il mondo bancario, evidenziano ancora da Kirey Group, “il centro di innovazione sta ultimando un nuovo servizio di remediation, possibile grazie all’apprendimento automatico basato su data set errati e la loro soluzione, che permette agli istituti finanziari di aumentare l’efficienza e la correttezza della base dati dei propri sistemi”.

Nell’ambito della blockchain, infine, Kubris “è impegnato nello sviluppo di soluzioni che sfruttino questa tecnologia a fini di garantire ai clienti una maggiore sicurezza e conformità alle normative. Il primo POC, legato all’Open Timestamps, pensato specificatamente per gli audit e la compliance, è già stato portato a compimento e consente alle aziende di documentare con evidenza l’integrità di un documento e dei dati in esso contenuti, in quanto archiviati in formato di stringa, tramite calendar server, sulla blockchain. L’ultimo progetto, appena lanciato, che sfrutta le tecnologie blockchain si pone come obiettivo la realizzazione di uno smart contract in uno specifico ambito assicurativo”.

“L’innovazione è da sempre parte del nostro DNA – ha spiegato Alessandra Girardo, amministratore delegato di Kubris –. Siamo molto attenti agli sviluppi che i nuovi trend tecnologici, come l’AI o il machine learning, ci riserveranno nei prossimi anni e, nel nostro centro, vogliamo coltivare tutte quelle conoscenze ed esperienze che ci permetteranno di sfruttarne al meglio le potenzialità. Il nostro obiettivo è però saper offrire ai nostri clienti attuali e futuri anche la concretezza, l’innovazione applicata, aspetto che siamo in grado di garantire loro coniugando le nostre competenze tecnologiche e la conoscenza di settori di mercato, come l’ambito assicurativo e bancario, dove operano i nostri principali clienti”.

Intermedia Channel

Related posts

Top