La targa dirà se il proprietario è in regola

Telecamere - Controllo traffico - Lettore targhe Imc

Telecamere - Controllo traffico - Lettore targhe Imc

(di Giacomo Galeazzi – La Stampa)

Primo si in Commissione alla legge per scovare i furbi della Rc auto

Grande Fratello contro i 4 milioni di automobilisti italiani senza assicurazione. Multe per chi si farà trovare dai tutor in strada senza Rc-auto.

A introdurre la svolta «hi-tech» è l’emendamento al ddl «Concorrenza» approvato dalle commissioni Finanza e Attività Produttive della Camera. «Chiediamo da anni di utilizzare la tecnologia – afferma Roberto Sgalla, direttore centrale della Polizia stradale –. Serve il controllo a distanza perché neppure se avessimo ogni giorno su strada un milione di pattuglie invece di 1500 riusciremmo a controllare tutte le Rc-auto». Il passo successivo è l’abolizione del tagliando di carta, per impedirne la contraffazione. «Tanti falsificano il contrassegno cartaceo sul parabrezza, quindi è fondamentale l’accertamento informatizzato attraverso le banche dati delle Motorizzazioni e dell’Ania – aggiunge Sgalla –. Il conducente passa sotto i varchi del tutor, del sistema dell’Anas “Vergilius” o nelle Ztl e la targa rivela se ha pagato la Rc-auto».

L’accertamento della presenza sul veicolo del tagliando dell’assicurazione, stabilisce la norma, «potrà avvenire per mezzo di appositi dispositivi o apparecchiature di rilevamento (tutor) e non è necessaria la presenza degli agenti qualora l’accertamento avvenga mediante dispositivi omologati per il funzionamento automatico». Perciò, «qualora risulti che, al momento del rilevamento, un veicolo munito di targa di immatricolazione fosse sprovvisto della copertura assicurativa obbligatoria, è prevista l’applicazione della sanzione amministrativa». Un controllo «da remoto» che potrà essere esteso ad altre infrazioni, come la mancata revisione della vettura o, per i camion, il sovraccarico e la violazione dei tempi di riposo obbligatori. In pratica la contestazione diretta da parte degli agenti e del personale sanitario resterà indispensabile solo nei test sull’uso alla guida di alcol e droga. Negli altri casi provvederanno i nuovi strumenti. Risparmio di risorse e mezzi.

«Con la velocità ha funzionato, la stessa prevenzione avverrà per l’assicurazione – sottolinea Sgalla –. Chi sa di non avere l’Rc-auto in genere va piano ed evita di infrangere il Codice della strada per non avere controlli. Man mano che si estenderà la rete di telecamere a distanza, il sistema di rilevazione renderà molto più probabile la sanzione». Risultati garantiti dal «Police Controller», software già in dotazione alle forze dell’ordine per i cronotachigrafi, cioè le «scatole nere», dei Tir. In tempo reale si può accertare velocità, assicurazione, carichi trasportati (attraverso collegamenti a pese mobili nell’asfalto), tappe di marcia. Controllo totale «on the road» a portata di clic. Una rivoluzione «anti-furbetti» al volante.

Related posts

Top