LA VOCE DEGLI INTERMEDIARI: LIBERALIZZAZIONI DEL SETTORE ASSICURATIVO, SI RIPETONO GLI ERRORI DEI MUTUI SUB PRIME?

Voce degli Intermediari Imc

Per la rubrica “La Voce degli Intermediari“, pubblichiamo un’interessante riflessione sui possibili effetti del Dl Crescita 2.0 pubblicata dal blog ‘Agorà degli agenti di assicurazione‘ e intitolata “LIBERALIZZAZIONI DEL SETTORE ASSICURATIVO, SI RIPETONO GLI ERRORI DEI MUTUI SUB PRIME?“:

E’ in via di approvazione la legge di conversione del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante “Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese”.

Tra noi Agenti di Assicurazione, sono forti le preoccupazioni relative al futuro della professione, alle risorse necessarie allo svolgimento della nostra attività che, così facendo, verranno inesorabilmente depauperate da provvedimenti che non sono pensati per essere sostenibili.

Il contratto base nell’RCAuto, dequalifica l’offerta rendendo impossibile qualsiasi diversificazione o innovazione di prodotto. Giacché il prodotto assicurativo corrisponde al servizio erogato, stabilire degli standard di prodotto vuol dire decretare per legge la fine della qualità del servizio nelle assicurazioni.

In questo senso, il decreto non è neanche a vantaggio del consumatore.

Riguardo all’obbligo previsto, poi, dal comma 8 dell’art. 22, della cosiddetta piattaforma “home insurance”, chi ci garantisce che non sia un primo step di un processo che porterà alla vendita diretta massiccia dei prodotti assicurativi in genere?

Nel concreto del mercato assicurativo, i contenuti sociali e di welfare state che con le coperture assicurative si propongono di soddisfare, hanno un valore etico che non può e non deve essere demandato alle voglie virtuali delle nuove tecnologie, perché questo procurerebbe un danno sociale enorme che ricadrebbe su tutta la collettività, non solo sugli assicurati.

Ancora prima, il precedente e inapplicabile articolo 34 del decreto legge n. 1/2012, disattende gli intendimenti che il legislatore aveva previsto per incentivare la mobilità della cliente, poiché questo processo è così avviato da risultare un fenomeno eclatante, evidente, impossibile da non rilevare.

Negli ultimi 5 anni, infatti, si è passati da una volatilità dei clienti da poco più del 5% ad un dato tendenziale che supera il 20%! Gli effetti di queste norme, di fatto, affrontano le liberalizzazioni ripercorrendo gli stessi errori strategici strutturali che hanno determinato la crisi economica di questi ultimi anni, scatenata proprio con la deregulation dei mutui subprime, dalla carenza di politiche eticamente adeguate.

E’ doveroso fare tesoro di queste esperienze, evitando di lasciare ai mercati il compito di autoregolarsi.

Esperti economici ben illustri, suggeriscono la necessità di pensare a modelli più attenti al valore etico delle azioni da intraprendere, suggerendo al legislatore di regolare i mercati con norme comuni per tutti.

Per quanto riguarda poi le regole comuni, quale soggetto istituzionale si è mai chiesto in cosa consiste il principio di mutualità delle compagnie che detengono quote di mercato nelle zone non preferite, e ci riferiamo al centro sud, che non superano il 3% dei loro portafogli?

Questo è un esempio scandaloso di carenza di regolamentazione che consente, ad alcune imprese, di avvantaggiarsi rispetto ad altre, adottando pratiche commerciali scorrette e eludento l’obbligo a contrarre.

A proposito di omogeneità di regole, occorrerebbe riordinare tutto il settore dell’intermediazione.

Prendiamo per esempio l’incongruenza della normativa ISVAP che obbliga gli intermediari a stilare 7A e 7B, obblighi che riguardano soggetti che sono fortemente radicati nel tessuto socio-economico del territorio dove operano, mentre altri soggetti come operatori di call center, impiegati di banca, venditori d’auto, o quant’altro, ne sono esonerati. Ci riferiamo a tutti quei soggetti che non sono direttamente conosciuti dal cliente, che intrattengono relazioni occasionali, a distanza, virtuali, liberi di fare e dire al cliente quello che vogliono, con la certezza che tanto mai più avranno occasione di rincontrare il cliente.

Non sarebbe più giusto avere le informazioni dettagliate della persona con cui si parla x telefono, piuttosto che di chi si conosce e si incontra di persona nel suo ufficio?

MA CHE RAZZA DI TUTELA DEL CONSUMATORE E’ MAI QUESTA?

Occorre prestare molta attenzione alle valutazioni appena riportate in quanto, l’attitudine delle banche-assicurazioni a massimizzare i propri profitti le porta a perseguire strategie recepite dal mondo bancario, presente nei loro pacchetti azionari, che mirano a trasformare la rete distributiva da esterna (indiretta) ad interna (diretta).

LA DISINTERMEDIAZIONE, un termine tanto nuovo quanto brutto che indentifica questo fenomeno. In definitiva, ci riferiamo ad un approccio che, visto nella sua totalità, sembra manifestarsi in una forma preordinata di arrembaggio agli Agenti di Assicurazione.

Nella malaugurata eventualità che il provvedimento veda la sua attuazione, si andrebbe ad aggiungere a tutti gli altri provvedimenti che stanno producendo, sulle strutture agenziali, un aggravio di costi immotivato, inutile, ma soprattutto non sostenibile.

Con la quasi certezza di mettere a rischio, nell’arco di pochi anni, il 30% dei 300.000 addetti del settore, almeno 90.000 persone“.

Related posts

2 Comments

  1. fabrizio said:

    La cosa che mi dispiace di più è che l’inserobile declino dell’intermediazione professionale è frutto di una politica demagogica che si nascondende dietro nobili e condivisibile obiettivi quali la maggiore trasparenza, correttezza e professionalità, oltre a quello di una maggiore competittività tariffaria, che trovo difficile per effetto di questi provvedimenti.

    Ritengo che le dinamiche dei prezzi delle polizze auto dipendano da altri fattori e dalla necessità di introdurre sostanziali novità normative ed operative, che fino ad oggi non hanno trovato riscontro se non nelle aule dei convegni.

    Saluti.

  2. Roberto said:

    C’è ben poco da fare purtroppo per gli Agenti di fronte a questa enorme macchina burocratica che è ” il palazzo che decide senza cognizione di causa “.
    Personalmente sarei ben felice di eliminare dal mio portafoglio di agenzia l’RCA, a favore di Compagnie telefoniche, internet, banche, posta ecc. per tenermi solo i Rami Elementari ( … ed il Vita se vogliamo ), ma i rischio è quello di perdere lentamente anche queste ultime a favore della disintermediazione generalizzata a cui i clienti si affiderebbero sempre di più.
    Vorrà dire che a differenza degli assicuratori storici che cavalcarono l’onda dell’obbligatorietà delle polizze auto e vivendo poi felici nel mondo vincolante della poliennalità provvigionale si costruirono, chi più chi meno, la propria fortuna, noi faremo parte di chi ha svolto questa professione fino alla fine, cioè fino a quando i costi non avranno superato le entrate e ci reinveteremo un altro lavoro un attimo prima di implodere su noi stessi.
    Siamo professionisti seri e preparati, certamente diversi e più intraprendenti degli operatori di Call Center, sportellisti bancari o postali che ci sostituiranno in questa attività di intermediazione; una valida soluzione alternativa la troveremo!

Comments are closed.

Top