LETTERA APERTA DI SNIASS AI PRESIDENTI DEI GRUPPI AGENTI

Maurilio Traetto primo piano

Con un documento apparso sulla sezione news del sindacato, il presidente dello SNIASS (Sindacato Nazionale Intermediari di Assicurazione) Maurizio Traetto (nella foto) sceglie lo strumento della lettera aperta per rivolgersi a tutti i Presidenti dei diversi Gruppi Agenti.

L’iniziativa del sindacato si inserisce in quelle che sono le diverse novità regolamentari che si sono susseguite nell’ultimo periodo, dalla Legge 40 al DL Sviluppo Bis, tornando a focalizzare l’attenzione sugli strumenti di tutela nei confronti degli intermediari iscritti in sezione E.

Riteniamo che il mercato si diriga sempre di più verso intermediari liberi, che possano costruire con le società mandanti dei percorsi virtuosi di raccolta degli affari, dell’ottimizzazione della gestione, dell’equilibrio dei risultati tecnici e di una reale e concreta risposta ai ‘bisogni’ dell’utente consumatore. Probabilmente ci troveremo a incontrarsi e forse a scontrarci su posizioni diverse; la tutela dei nostri iscritti è e sarà sempre una nostra attività costante ed imprescindibile. Non di meno siamo però certi che solo il comune sforzo a costruire potrà portare alle famiglie dei nostri iscritti e alle società mandanti quei risultati economici e professionali che tutti si auspicano“, scrive Traetto.

Siamo quindi a chiedere – prosegue il presidente SNIASS rivolgendosi ai presidenti dei Gruppi Agenti – di condividere questo nostro lavoro, di confrontarci sui temi generali, di intraprendere un percorso di collaborazione che anche se non dovesse riuscire a portare ad un concreto risultato, certamente non potrà che apportare maggiore arricchimento umano e culturale al nostro Sindacato ed alla Azienda/Gruppo che Lei rappresenta. Siamo a chiederle di supportare questa nostra azione attraverso una collaborazione attiva, perché siamo certi che è anche interesse del Gruppo che Lei rappresenta interloquire con gli intermediari ‘E’, che hanno interesse a costruire delle proprie micro e piccole imprese solide, stabili e che producano profitto“.

Ci mettiamo a disposizione con un incontro con Lei o con gli uffici che vorrà indicare alla nostra Commissione – conclude Traetto – per un comitato di lavori che si occupi esclusivamente dei rapporti tra A ed E, con la stesura di un accordo quadro che regolamenti il rapporto di collaborazione normativo ed economico e soprattutto di un protocollo che coinvolga l’impresa a mantenere la collaborazione dell’intermediario iscritto in E in caso di cessazione del rapporto di agenzia del proprio intermediario iscritto in sezione A“.

Intermedia Channel

Related posts

Top