L’ISVAP COMMINA UNA MULTA DA 257 MILA EURO

La società finita nel mirino dell’autorità di vigilanza è la Ge.Pi. sas di Pirotta e C. di Marsala (Trapani).

Fra i provvedimenti sanzionatori dell’Isvap spicca, nell’ultimo bollettino relativo al mese di aprile scorso, l’ordinanza (n. 1469/12 del 17 aprile 2012) relativa alla multa amministrativa pecuniaria comminata alla società Ge.Pi. s.a.s. di Pirotta e C., con sede legale in via Sibilla 27 a Marsala (Trapani) pari a 257 mila euro.

In particolare, la violazione riguarda il «combinato disposto degli artt. 117 del d.lgs. 209/2005 e 54 del regolamento Isvap n. 5/2006, degli artt. 183 del d.lgs. 209/2005 e 47 del regolamento Isvap n. 5/2006 e degli artt. 109, comma 6, del d.lgs. 209/2005 e 36 del regolamento Isvap n. 5/2006, in relazione alle seguenti fattispecie mancato rispetto dell’obbligo di separazione patrimoniale; mancato rispetto delle regole di diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti degli assicurati in n. 254 occasioni; mancata comunicazione all’Autorità, nei termini previsti, della cessazione di n. 2 rapporti di collaborazione».

Significative (60.000 euro) anche le sanzioni comminate a Unipol Assicurazioni per violazione «dell’art. 148 del d.lgs. 209/2005 – mancato rispetto, per un sinistro del ramo Rc auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa», e ad Aviva Italia per aver violato «gli artt. 149 e 150 del d.lgs. 209/2005 e art. 8 del d.p.r. 254/2006 – mancato rispetto, per un sinistro del ramo Rc auto, dei termini per la formulazione dell’offerta di risarcimento diretto al danneggiato ovvero per la comunicazione dei motivi di diniego della stessa».

Redazione – Intermedia Channel

Authors
Tags ,

Related posts

Top