L’ISVAP RIGETTA LA RICHIESTA DI SNA E UNAPASS DI ABROGARE L’ART.34

Bocciata quella che era la volontà della quasi totalità degli agenti di assicurazione. Si lavorerà, quindi, sulle modalità per rendere applicabile la norma sull’obbligo di confronto delle tariffe Rc auto.

Si è svolto questo pomeriggio l’attesissimo (per gli intermediari) incontro fra l’Isvap e le due organizzazioni di rappresentanza degli agenti assicurativi Sna e Unapass. Il tavolo tecnico ha avuto l’obiettivo di capire come (e se) applicare l’articolo 34 della legge sulle liberalizzazioni.

«All’incontro», si legge in un comunicato congiunto di Sna e Unapass, è stata «sottolineata la scarsa chiarezza del dettato  normativo, ribadendone l’inapplicabilità e la conseguente inefficacia». Per questa ragione le due rappresentanze hanno chiesto all’istituto di vigilanza, «nell’ambito della delega affidatale dal Governo, di promuoverne l abrogazione. L’Autorità  ha affermato che i contenuti della delega ricevuta sono previsti dalla legge stessa e che intende esercitare tale delega disciplinando con regolamento apposito la modalità operativa nel noto termine di quattro mesi. A tale proposito l’Isvap ha rigettato la richiesta di abrogazione, ritenendo prioritario regolamentare la norma, invitando le associazioni sindacali di categoria a produrre il loro contributo al fine di rendere praticabile, ove possibile, il contenuto innovativo della disposizione. Ferma restando la prevista valutazione periodica, a posteriori dell’efficacia della norma».

 Redazione Intermedia Channel

Authors

Related posts

One Comment;

  1. Serafina Rossi said:

    Questa è la dimostrazione che non siamo riusciti ad essere LOBBY, della poca forza della categoria non unita e della politica sbagliata.
    Chiaramente gli agenti non sono privi di colpe, individualisti ed il passato lo ha dimostrato.

Comments are closed.

Top