Lloyd’s, le catastrofi naturali alla base della perdita lorda 2017 di 2,3 miliardi di Euro

Lloyd's of London Imc

Lloyd's of London Imc

Il mercato assicurativo e riassicurativo mondiale per i rischi speciali è stato fortemente colpito dalla frequenza e dalla portata dei disastri che hanno colpito diverse parti del mondo nella seconda metà del 2017. Il conto per i Lloyd’s è stato pari a 5,1 miliardi di Euro, più del doppio rispetto al 2016, appesantendo significativamente anche il combined ratio (114% contro 97,9% a fine 2016). Positivi gli indicatori dei premi lordi contabilizzati (38,3 miliardi contro 36,4 miliardi) e dei ritorni netti sugli investimenti (2,1 miliardi contro 1,6 miliardi)

In seguito ad uno degli anni più costosi della passata decade a causa delle catastrofi naturali, i Lloyd’s, il mercato assicurativo e riassicurativo per i rischi speciali, hanno annunciato nella giornata di oggi di aver registrato nel 2017 una perdita aggregata pari a 2,3 miliardi di Euro.

La frequenza e la portata dei disastri che hanno colpito varie parti del mondo nella seconda metà del 2017, hanno infatti dato origine a sinistri costati 5,1 miliardi al mercato dei Lloyd’s, più del doppio rispetto all’anno precedente (2,5 miliardi). Questi sinistri rilevanti hanno generato una perdita tecnica pari a 3,9 miliardi (contro un utile di 600 milioni nel 2016), che si è tradotta in un significativo appesantimento del combined ratio, passato da 97,9% a 114%.

I Lloyd’s hanno confermato il proprio impegno nei confronti degli assicurati e nel corso dell’esercizio 2017 hanno pagato sinistri (al lordo della riassicurazione) per un totale di 20,9 miliardi di Euro, “confermando il ruolo cruciale del mercato nel dare supporto alla veloce ripresa delle aziende, delle comunità e dei paesi in seguito ai disastri”.

Il mercato ha fatto fronte a questi impegni considerevoli “senza impatti significativi sulle risorse totali, che rimangono solide” e ammontano a 31,1 miliardi di Euro. Anche la capitalizzazione dei Lloyd’s non ne ha risentito, mentre indicazioni positive sono giunte dai volumi di premi lordi sottoscritti (38,3 miliardi contro 36,4 miliardi) e dai ritorni netti sugli investimenti (2,1 miliardi contro 1,6 miliardi).

“Il 2017 è stato un anno eccezionalmente impegnativo per il mercato, caratterizzato da condizioni di mercato difficili e dalle pesanti conseguenze derivanti dalle catastrofi naturali. Questi fattori hanno portato, per la prima volta in sei anni, alla perdita dei Lloyd’s – ha affermato la CEO Inga Beale. I Lloyd’s sono sempre pronti ad offrire supporto ai clienti quando ne hanno maggior bisogno, mettendo a disposizione le risorse finanziarie per permettere ad aziende, governi e, più importante, alle persone di riprendersi e ricostruire le loro vite nel minor tempo possibile ed io sono molto orgogliosa della risposta del mercato”.

Intermedia Channel


Lloyd’s – Report annuale 2017 (in inglese)

Related posts

Top