Lloyd’s, nel 2018 la perdita aggregata scende ad un miliardo di sterline

John Neal (3) Imc

John Neal (3) Imc

Il mercato assicurativo e riassicurativo mondiale per i rischi speciali ha comunicato i risultati dell’esercizio 2018, caratterizzato nuovamente da una serie di costose catastrofi naturali. La perdita aggregata si è tuttavia dimezzata rispetto al 2017, beneficiando anche del calo dei sinistri netti (da 18,3 a 16,4 miliardi di sterline). In crescita i premi lordi contabilizzati (da 33,6 a 35,5 miliardi di sterline). Il combined ratio resta sopra quota 100% ma è in miglioramento di 9,5 punti percentuali (a 104,5%)

In sede di presentazione dell’Annual Report 2018, i Lloyd’s hanno annunciato una perdita aggregata del mercato di un miliardo di sterline a seguito del clima di volatilità degli investimenti e per il susseguirsi di costose catastrofi naturali, per le quali il mercato ha pagato sinistri per 19,7 miliardi di sterline. Il dato sulla perdita aggregata è tuttavia dimezzato rispetto al 2017 e beneficia anche del calo dei sinistri netti, passati da 18,3 a 16,4 miliardi di sterline. In crescita i premi lordi contabilizzati, che salgono a 35,5 miliardi di sterline (33,6 miliardi nell’esercizio 2017), mentre i ritorni netti sugli investimenti scendono dagli 1,8 miliardi del 2017 ai 504 milioni di sterline di fine 2018.

Lo scorso anno si sono verificate diverse catastrofi naturali gravi, inclusi gli uragani Florence e Michael, il tifone Jebi in Giappone e gli incendi in California. Questi disastri hanno dato origine a pesanti sinistri per il mercato dei Lloyd’s, costati 2,9 miliardi di sterline, molto di più della media a lungo termine (1,9 miliardi), contribuendo al combined ratio per il 2018 pari a 104,5%, risultato che è ad ogni modo 9,5 punti percentuali migliore rispetto a quello di fine 2017.

Pur in presenza di questi sinistri consistenti, i Lloyd’s hanno rafforzato la propria posizione finanziaria. Il patrimonio totale è cresciuto del 9% a 118 miliardi di sterline e le risorse nette dei sono aumentate del 2% a 28,2 miliardi. Oltre a questo, anche il patrimonio centrale dei Lloyd’s ha registrato una crescita dell’8%, salendo a 3,2 miliardi di sterline. Questa solidità finanziaria “è alla base di ogni polizia dei Lloyd’s e offre ai clienti la sicurezza che il mercato è pronto a fornire il sostegno finanziario necessario quando serve”.

Pur in un contesto di incertezza globale ed in presenza di condizioni di mercato difficili, i risultati aggregati dei Lloyd’s nel 2018 hanno mostrato segni di ripresa. Dopo anni caratterizzati da tassi bassi, le quotazioni hanno registrato un innalzamento del 3,2% sui rinnovi e l’inizio di un miglioramento del rapporto premi/sinistri che non tiene conto dei sinistri catastrofali e che si è ridotto dell’1,3% rispetto all’anno scorso.

Nel contempo, il mercato ha continuato a focalizzare la propria attenzione verso il miglioramento della performance. Un processo rigoroso di pianificazione delle attività per il 2019 ha eliminato dal mercato circa tre miliardi di sterline di affari con performance negativa e sono stati implementati piani correttivi in tutti i rami coinvolti. Nel 2018 quattro nuovi sindacati hanno iniziato ad operare “a dimostrazione dell’appeal sempre attuale dei Lloyd’s e del costante focus del mercato sull’innovazione”.

Il mercato si è inoltre preparato ad affrontare la Brexit attraverso la costituzione della nuova sede di Bruxelles, pienamente operativa. La nuova compagnia, spiegano dai Lloyd’s, “offre certezze ai clienti nello Spazio Economico Europeo (SEE), che potranno continuare ad accedere ai prodotti assicurativi, ai servizi ed all’esperienza dei Lloyd’s stessi”. Il mercato, nel 2018, ha anche registrato buoni progressi per quanto riguarda la modernizzazione, evidenziati da un incremento sensibile nell’adozione di soluzioni tecnologiche, incluso il piazzamento elettronico.

“I risultati aggregati del mercato per il 2018 registrano un combined ratio del 104,5% ed una perdita pari ad un miliardo di sterline – ha spiegato John Neal (nella foto), Chief Executive dei Lloyd’s –. Questa performance non raggiunge gli standard che ci aspetteremmo da un mercato che ha la tradizione e la qualità dei Lloyd’s. Abbiamo implementato misure di gestione della performance più rigide che rimarranno il riferimento di come dobbiamo svolgere la nostra attività. Ci aspettiamo che questi interventi portino ad un progressivo miglioramento della performance per il mercato nel 2019 e negli anni a venire”.

“Negli ultimi sei mesi – ha proseguito Neal – abbiamo interpellato centinaia di stakeholders allo scopo di raccogliere suggerimenti su come dovremmo far evolvere i Lloyd’s per costruire una vision collettiva per il futuro. Abbiamo pubblicato oggi un’anteprima di questa vision; seguirà un prospetto completo che sarà disponibile il primo maggio e che parlerà del futuro delle assicurazioni ai Lloyd’s”.

Intermedia Channel


Lloyd’s – Presentazione risultati 2018 (in inglese)

Related posts

Top