L’OBBLIGO DI RC PROFESSIONALE DEI MEDICI SLITTA DI UN ANNO

Medici (2)

È passato un emendamento presentato alla Camera. Ecco perché è stato necessario prendere questa decisione…

La Camera dei Deputati ha approvato un emendamento che ha fatto slittare di un anno (13 agosto 2013) l’obbligo di copertura assicurativa degli esercenti le professioni sanitarie. I 350 mila medici italiani avranno in questo modo un altro anno di tempo per la sottoscrizione della polizza.

La norma, limitatamente agli iscritti all’Ordine dei medici, modifica il decreto legge 138 del 13 agosto2011, convertito dalla Legge 148 del 2011, che impone a tutti i professionisti italiani di contrarre una polizza che li assicuri per le eventuali richieste di risarcimento.

«Le compagnie, nonostante la normativa, si stanno rifiutando di assicurare decine di migliaia di medici, specialmente chirurghi, e c’era quindi il concretissimo rischio che i camici bianchi, dal 13 agosto in poi, fossero costretti ad opporre un rifiuto alle richieste di cura o di intervento da parte dei pazienti», si legge in un comunicato dell’Amami, l’Associazione medici accusati dimalpractice ingiustamente.

«Ce l’abbiamo fatta», ha affermato Maurizio Maggiorotti (nella foto), presidente di Amami. «Siamo riusciti a far comprendere ai politici più accorti che l’entrata in vigore della norma avrebbe messo fuori legge migliaia di medici. Le compagnie non hanno l’obbligo di assicurarci. Abbiamo chiesto alle prime dieci società italiane del settore di fare una proposta di convenzione per i nostri 25 mila associati. La risposta è stata il silenzio: un fatto agghiacciante». L’obbligo è posposto in attesa che il consiglio nazionale dell’Ordine dei Medici o, in subordine, le associazioni mediche maggiormente rappresentative negozino le condizioni generali delle polizze in regime di convenzione.

Redazione – Intermedia Channel

Authors

Related posts

Top