MILANO ASSICURAZIONI: UTILE NETTO IN DECISO PROGRESSO NEL PRIMO SEMESTRE

Raccolta diretta complessiva a 1.439 milioni di Euro (-12,3%). Il combined ratio scende al 92,9%, sette punti in meno rispetto ad un anno fa

La sede della Milano Assicurazioni IMCIl cda di Milano Assicurazioni (nella foto, la sede) ha approvato oggi i risultati consolidati relativi al primo semestre 2013. L’utile netto consolidato è pari a 92,8 milioni di euro, in deciso miglioramento rispetto all’utile di 3,1 milioni di euro registrato al 30 giugno 2012. Tale risultato, informa la compagnia, “è prevalentemente dovuto al positivo andamento tecnico del settore Danni e beneficia delle misure avviate a partire dalla fine dello scorso anno per il miglioramento operativo della Compagnia, passata sotto la gestione del Gruppo Unipol“.

Al 30 giugno 2013, la raccolta complessiva del lavoro diretto, comprensiva delle polizze di investimento dei rami Vita, ammonta a 1.439 milioni di euro, in flessione del 12,3% rispetto ai 1.641 milioni delllo stesso periodo 2012.

Settore Danni

Nel settore Danni, la raccolta premi del lavoro diretto si attesta a 1.261 milioni di euro in calo del 12,2% rispetto ai 1.436 milioni del primo semestre 2012.

Nel ramo Auto i premi ammontano a 873,8 milioni di euro, in calo del 14,1%, di cui 769,7 milioni di euro nella RC Auto (-13,9%) e 104,1 milioni di euro nei Corpi Veicoli Terrestri (-15,9%). La raccolta continua a essere influenzata – segnala la compagnia -, “da un lato, dal continuo calo delle immatricolazioni (-10% nei primi sei mesi del 2013), dall’altro dagli effetti contabili conseguenti l’abolizione, da dicembre 2012, del tacito rinnovo, nonché dall’accentuarsi della dinamica concorrenziale che si riflette sul premio medio dei contratti. A fronte del calo dei premi, si conferma il trend di forte decremento del denunciato, con la conseguente riduzione della frequenza dei sinistri e la tenuta delle riserve sinistri di esercizi precedenti“.

La raccolta dei rami Non Auto è pari a 386,7 milioni di euro, in flessione (-7,5%) rispetto all’analogo semestre del 2012, “principalmente a causa del ridimensionamento del portafoglio corporate” a seguito delle azioni di risanamento iniziate a partire dalla fine del 2012.

Il positivo andamento tecnico del settore fa registrare complessivamente un combined ratio pari al 92,9%, in significativo miglioramento rispetto al 99,9% del primo semestre 2012. Il settore chiude quindi con un utile prima delle imposte di 128,4 milioni di euro, in deciso progresso rispetto al risultato di 8,1 milioni di euro registrato nel primo semestre 2012.

Settore Vita

La raccolta complessiva si attesta a 178,9 milioni di euro, in flessione del 12,7% rispetto ai 204,9 milioni dell’analogo periodo dell’esercizio precedente. Il settore rileva un utile prima delle imposte pari a 36,7 milioni di euro, in miglioramento rispetto all’utile di 26,2 milioni di euro rilevato nel 1° semestre 2012, “grazie anche ai maggiori rendimenti della gestione degli asset finanziari“.

Milano Assicurazioni ricorda anche come dopo il via libera alla fusione in Fonsai di Unipol, Milano e Premafin, rilasciato dall’IVASS lo scorso 25 luglio, nei prossimi mesi “proseguirà il consolidamento delle già avviate attività inerenti l’operazione di integrazione con il Gruppo Unipol, nel rispetto delle condizioni già comunicate al mercato“.

La fusione costituisce un passaggio essenziale e integrante di tale operazione – prosegue la nota della Milano –, ed è volta a creare un operatore di primario rilievo nel settore assicurativo, focalizzandone la mission sul business assicurativo e rafforzandone la struttura patrimoniale e di solvibilità. Le sinergie derivanti dalla fusione consentiranno di beneficiare della condivisione e del consolidamento di quelle aree e di quei processi che rappresentano la best practice della nuova realtà“.

Intermedia Channel

Related posts

Top