Monserrato (CA), ascia alla mano rapinano agenzia di assicurazioni. Due arresti

Rapinano un’agenzia di assicurazioni a Monserrato ma i carabinieri li arrestano poco dopo. Caso risolto a tempo di record: in manette sono finiti due 30enni disoccupati. Si cerca un terzo complice sfuggito alla cattura col bottino di 400 euro

Carabinieri - Auto ImcArresto in flagranza per rapina aggravata in concorso e porto abusivo di armi: con queste accuse sono stati condotti in carcere a Buoncammino C.G. e S.A. , 30enni disoccupati di Monserrato. Verso le 19.30 di ieri i due complici, brandendo un’ascia e un bastone, si sono presentati in una agenzia di assicurazioni in via S. Angelo e, dopo aver minacciato la titolare, son scappati con la borsa della donna, contenente circa 400 euro in contanti.

Durante la fuga tamponano un’altra auto parcheggiata, finendo con le ruote in bilico in un’aiuola spartitraffico: fuga finita. L’auto viene notata da una pattuglia dei carabinieri che, incuriosita dall’insolito parcheggio, si avvicina per controllare. I militari vengono subito avvicinati da C.G, che, cercando di sviare le indagini, simula il furto dell’auto appena usata per la rapina. Dopo poco viene raggiunto anche da S.A., che fornendo una versione concordata prova a dare manforte al complice. Non avevano però fatto i conti con la buona memoria dei due militari che, riconosciuti i due già sospettati di aver organizzato una rapina un mese fa, e insospettiti dalle incongruenze del racconto, li portano in caserma e, successivamente a Buoncammino.

Si cerca ancora un terzo complice sfuggito all’arresto col misero bottino, ma, come affermato dal comandante della stazione di Quartu, Raffaele Puddu “contiamo di chiudere il cerchio molto presto. Il dispositivo di controllo del territorio è attivo e ha funzionato anche stavolta”.

Fonte: Sardegna Oggi (Articolo originale)

Related posts

Top