Napoli: Alla guida senza polizza, record di auto fuorilegge nella notte della movida

Napoli - Panorama Imc

Napoli - Panorama Imc

(Autore: Giuseppe Crimaldi – Il Mattino)

Centro storico, raffica di controlli: 124 trasgressori. E trentadue giovanissimi non avevano la patente

Napoli senza più regole. Ormai non passa settimana che dai controlli svolti in occasione del weekend dai carabinieri emergono dati allarmanti che danno la dimensione del fenomeno di illegalità diffusa imperante in città. Una cartina di tornasole inquietante che disegna la mappa non solo del malaffare, ma che fornisce anche numeri negativi in costante crescita. False assicurazioni, false patenti, falsi bolli auto e – come se non bastasse – da qualche tempo anche falsi certificati di revisione automobilistica: la nuova frontiera della città che viola la legge sembra passare sempre più attraverso il codice della strada.

Ed ecco subito l’ultimo dato: nell’arco di una notte (e in una zona tutto sommato abbastanza circoscritta del centro storico) sono state scoperte ben 124 persone che circolavano a bordo di scooter, moto o autovetture tutte senza copertura assicurativa. Un record mai raggiunto finora nel corso dei controlli dedicati alla «movida» del fine settimana. Cifra altissima che – inutile dire – si può considerare approssimativa per difetto rispetto al dato reale e che dimostra come l’illegalità che si riesce a far emergere grazie a controlli e posti di blocco rappresenti solo la cima di un iceberg che ha radici molto più profonde.

Anche nella notte tra sabato e domenica a garantire i presìdi in strada sono state le pattuglie dell’Arma. In azione sia i militari del Nucleo radiomobile che quelli della compagnia Napoli Centro, impegnati in un servizio predisposto sui luoghi del by night nel fine settimana. I carabinieri hanno contestato 213 violazioni al codice della strada, irrogando sanzioni amministrative per oltre 134mila euro. Un dato che non trova comparazioni in tutto il resto d’Italia. I controlli hanno riguardato via Toledo, piazza Bellini e aree limitrofe, zone nelle quali sono stati individuati i 124 trasgressori, ai quali sono stati notificati anche i sequestri amministrativi dei veicoli.

Di illegalità in illegalità: scoperti e denunciati nel corso dei controlli anche 32 cittadini che circolavano alla guida di veicoli (sia autovetture che scooter) senza aver mai conseguito la patente: sono quasi tutti giovani e giovanissimi, età media 20-25 anni. E nella rete non potevano non finire i soliti parcheggiatori abusivi. Tanti, 21 per l’esattezza. Dal venerdì alle prime ore dell’alba del lunedì questi soggetti si appropriano di intere aree del centro sto- rico, trasformandole in lucrosissime riserve di caccia. Parcheggiare tra Toledo, Port’Alba e la Riviera di Chiaia nel fine settimana significa nove su dieci cedere al ricatto di questi personaggi che imperversano in strada imponendo una vera e propria tangente agli automobilisti. E il guaio è che la legge per loro non graffia: «li identifichiamo – racconta un investigatore – li contravvenzioniamo e li allontaniamo. Altro non possiamo fare: ed ecco perché poi loro si ripresentano il fine settimana successivo. Ed ecco perché quasi sempre si tratta sempre degli stessi personaggi identificati e multati».

Pur nella loro evidente clamorosa drammaticità, questi dati non sono che una minima parte del fenomeno che interessa Napoli (per non parlare della provincia). Impossibile verificare anche nelle sole 24 ore quante persone circolino sprovviste dei minimi documenti necessari per circolare su due o quattro ruote. Per questo i controlli su strada dei carabinieri restano uno degli strumenti più efficaci contro forme di illegalità diffusa che continuano invece ad essere tollerate da molti. Quasi che contravvenire al codice fosse solo una marachella.

Related posts

Top