Net Insurance, nel piano industriale al 2023 previsti premi a 170 milioni di Euro

Pianificazione - Analisi - Controllo (Foto rawpixel.com - Pexels) Imc

Pianificazione - Analisi - Controllo (Foto rawpixel.com - Pexels) Imc

Il CdA della compagnia ha confermato missione industriale, modello operativo e i target di Archimede. Nell’arco del piano è attesa una crescita media annua dei premi del 22% ed un combined ratio in discesa a 81%; a fine piano previsto un utile netto di 17 milioni, con un RoE attorno al 20%

Il CdA di Net Insurance ha approvato nei giorni scorsi l’aggiornamento del piano industriale 2019 – 2023 della compagnia. In particolare, spiegano dal Gruppo, il nuovo piano aggiorna stime, target e valutazioni alla luce delle evoluzioni degli ultimi mesi, “ivi inclusa in particolare la vicenda della sottrazione di Titoli di Stato” comunicata lo scorso 30 marzo.

Il piano, evidenziano inoltre da Net Insurance, è stato costruito “sulle fondamenta delle azioni a 360° avviate dopo l’emergere della frode: il Forensic Audit, per una puntuale definizione delle responsabilità dirette e indirette nella vicenda; l’assessment e la review indipendente dei fondamentali processi aziendali e il rifacimento, la revisione completa e la riapprovazione del bilancio 2017 e del bilancio 2018”.

Nel piano vengono pienamente confermate la missione industriale e il modello operativo apportati da Archimede, quest’ultimo articolato in quattro pilastri strategici:

  • Valorizzazione delle attività legate alla cessione del quinto;
  • Sviluppo della bancassicurazione Danni e Protezione;
  • Sviluppo del canale broker retail Danni;
  • Attivazione delle piattaforme digitali.

Nei primi mesi di attività, sono stati anche “messi al lavoro” alcuni fattori abilitanti “destinati a sostenere in maniera importante” la crescita delle attività secondo il modello sopra richiamato:

  • Il livello di patrimonializzazione, che parte da un dato del 163% a fine 2018 (post frode);
  • La squadra di management, “completamente nuova e di prim’ordine”;
  • Investimenti sull’architettura tecnologica target;
  • La riconoscibilità e conoscenza del marchio societario, grazie alla sponsorizzazione degli arbitri italiani di calcio.

Le singole aree operative contribuiranno al raggiungimento dei target complessivi secondo queste modalità:

  • La cessione del quinto crescerà moderatamente nei volumi, consolidando i livelli di redditività tecnica già raggiunti;
  • La bancassicurazione vedrà la messa a regime delle partnership annunciate, “in un mercato unanimemente previsto in decisa crescita e profittevole”;
  • L’area Broker – di minor impatto quantitativo – si focalizzerà sul segmento retail e su alcuni prodotti ben identificati;
  • Il mondo Digital avrà la funzione di realizzare prodotti, servizi, strumenti da mettere a disposizione degli altri canali, ma anche “l’aspirazione di essere un partner di elezione per le piattaforme digitali”.

Per quanto concerne l’area investimenti, è stata identificata un’asset allocation target ampiamente diversificata, incentrata su corporate bond e, in generale, su attivi legati al rischio credito, con limitata esposizione agli asset governativi italiani.

I target definiti, sottolineano da Net Insurance, non includono prudenzialmente alcuna ipotesi di recupero delle somme sottratte, ancorché le valutazioni dello stato dei fatti a oggi consentano nel complesso di stimare in un range di almeno 15/ 20 milioni di Euro il valore atteso dal recupero.

Sulla base di questi presupposti, il Gruppo ha identificato i seguenti target quantitativi:

  • I premi passeranno dai 62 milioni di Euro del 2018 agli 83 milioni del 2019, per arrivare a 170 milioni nel 2023, con una crescita media annua nell’arco di piano pari al 22%;
  • Le spese operative complessive, pari a circa 15 milioni nel 2018, arriveranno nell’arco di piano oltre quota 23 milioni;
  • Il risultato tecnico netto – sostenuto da un combined ratio che scenderà gradualmente dall’88% atteso per fine 2019 all’81% del 2023, per effetto della qualità tecnica dei prodotti di bancassicurazione e della progressiva riduzione dell’incidenza delle spese sui premi – è previsto attestarsi poco oltre quota 19 milioni di euro nel 2023;
  • L’utile netto, dal livello di circa 4 milioni di fine 2018 (6,7 milioni per il dato normalizzato) toccherà quota 11 milioni nel 2021 per salire a 17 milioni nel 2023, per un RoE che a regime sarà in area 20%.

Il dato di Solvency Ratio, grazie alla generazione di capitale assicurata dall’attività operativa e dalla prudente politica dei dividendi, si attesterà progressivamente in area 170/ 180%. Nell’ipotesi di un recupero pari al 50% delle somme distratte, il Solvency si riporterà attorno al 200%.

“Dopo l’annuncio della frode, abbiamo reagito con velocità, determinazione e con un approccio a 360° gradi, costruendo così anche solide fondamenta per la rivisitazione del piano industriale – ha affermato Andrea Battista, amministratore delegato di Net Insurance –. Il business ha dimostrato in questi mesi di crescere anche in condizioni perturbate e, nonostante tutto, lo sviluppo delle attività è al momento oggettivamente in linea con le migliori aspettative. Su questa evidenza e sulla consapevolezza del potenziale ora disponibile, acquisita anche grazie ai nuovi accordi distributivi, abbiamo rivisitato e aggiornato il nostro piano che presenta target sfidanti ma assolutamente credibili, non dissimili dagli obiettivi a suo tempo definiti da Archimede”.

Intermedia Channel


Net Insurance – Presentazione aggiornamento piano industriale 2019 / 2023

Related posts

Top