NUOVA POLIZZA PER UCA ASSICURAZIONE: PRIMA TUTELA AZIENDA

UCA - Insegna Storica Imc

UCA Assicurazione, compagnia indipendente con oltre 80 anni di esperienza sul mercato e specializzata nel ramo tutela legale, arricchisce ulteriormente la propria offerta assicurativa dedicata al rischio relativo alle aziende, con il lancio della nuova polizza Prima Tutela Azienda.

Si tratta di una soluzione assicurativa, si legge in una nota, utile a proteggere le situazioni più delicate che possono coinvolgere le persone che, nell’ambito dell’azienda, sono investite di incarichi di responsabilità, assolvendo in tal senso a fronte del mutato e più recente contesto economico, anche una reale esigenza di contenimento dei costi d’impresa sempre nella migliore ottica di redditività aziendale: minima spesa per massimo rendimento.

Prima Tutela Azienda – informa la nota – amplia la gamma UCA per l’attività aziendale e, a differenza di TutelUnica Azienda che garantisce l’intero organico aziendale (dipendenti, addetti, etc.) e l’attività nel suo complesso, assicura solo le figure soggette a responsabilità, ovvero coloro che sono davvero “in prima linea” quotidianamente nelle attività connesse al cosiddetto rischio di impresa. La polizza, si propone, infatti, di assicurare l’azienda contraente per fatti penalmente rilevanti o violazioni di carattere amministrativo dei quali sia chiamata a rispondere in relazione a comportamenti posti in essere o attribuiti ai soggetti assicurati, delegati o preposti dall’azienda stessa nell’esercizio della specifica attività svolta in nome e per conto dell’azienda contraente.

Prima Tutela Azienda, per esempio, tutela in sede penale e di illecito amministrativo il legale rappresentante, gli amministratori o gli eventuali preposti dall’azienda anche dai rischi in cui possono incorrere in tema di sicurezza sul luogo di lavoro; una soluzione assicurativa di tutela legale per fronteggiare casistiche e responsabilità in materie in cui le normative specifiche attualmente in vigore (D.Lgs 231/2001 e il TU 81/2008), infatti, risultano assai stringenti.

L’art. 2087 del Codice Civile, per esempio, evidenzia come il datore di lavoro risulti sempre responsabile dell’incolumità dei propri dipendenti sul luogo di lavoro nello svolgimento della loro attività e se si associa questa disposizione ai dettami normativi comunitari e a quelli puntualmente recepiti nelle normative specifiche, il livello di responsabilità del legale rappresentante e di tutti i preposti collegati alla sicurezza sul luogo di lavoro si eleva e si aggrava notevolmente.

“Prima Tutela Azienda nasce per fronteggiare queste esigenze di Tutela sempre più attuali e troppo spesso sottovalutate, una copertura assicurativa in sede penale calibrata sui soli soggetti portatori di responsabilità specifiche soggettive che hanno la necessità per primi di potersi rivolgere a Professionisti altamente qualificati e specializzati, senza doversi preoccupare delle loro parcelle”, ha commentato Alfredo Penna, direttore commerciale della compagnia torinese, nonché ideatore di questa particolare copertura. “Proprio per questo consente un avvicinamento graduale, ma efficace, al mondo assicurativo da parte di  potenziali e nuovi clienti: e per l’ intermediario una polizza chiara con un ambito ben definito e davvero corrispondente alle reali esigenze di tutela a cui l’azienda è oggi più che mai sensibile, dunque per risolvere problemi legali l’unica soluzione è una polizza di tutela legale UCA”.

Prima Tutela Azienda – prosuegue la nota – garantisce comunque in tutte le materie dove si configurino responsabilità dell’azienda come indicato, le spese legali e peritali in sede penale e per illeciti amministrativi dalla fase stragiudiziale e per ogni stato e grado di giudizio, le spese di avvocato domiciliatario, le spese liquidate alle parti civili in sede penale e le spese di giustizia penale. Per quanto riguarda le spese legali, il massimale è pari a 25.000 euro per vertenza (illimitato nell’anno assicurativo), con possibilità di estensione fino a 50.000 euro.

La copertura ha una efficacia retroattiva di 24 mesi per imputazioni penali subordinatamente ad assoluzione e per illeciti amministrativi subordinatamente ad accoglimento integrale del ricorso purché sconosciuti all’assicurato o per i quali non sia presumibile seguito giudiziale. E’ prevista anche la garanzia postuma di 24 mesi per sinistri avvenuti nel periodo di assicurazione, ma denunciati dopo la risoluzione del contratto, per fatti che si siano verificati in corso di polizza.

Intermedia Channel

Related posts

Top