Polizze salute, scelte per tutelare il benessere

Salute - Assicurazioni Sanitarie Imc

Salute - Assicurazioni Sanitarie Imc

(Autore: Gaia Giorgio Fedi – Il Sole 24 Ore)

Tra polizze malattia, salute e infortuni, sul mercato ci sono prodotti diversi per ogni esigenza

L’universo delle polizze che coprono rischi legati alla salute dell’assicurato è piuttosto variegato. Si va dalle polizze malattia, che con diverse possibili declinazioni coprono i rischi e i costi legati a situazioni patologiche di vario genere, alle polizze infortunio, che coprono il rischio che un evento esterno, violento e imprevedibile che determini la perdita o la diminuzione – temporanea o definitiva – della capacità lavorativa oppure la morte del sottoscrittore. Percapire quale polizza scegliere, è bene valutare quale delle formule disponibili sul mercato sia più adatta alle proprie esigenze. Prendiamo le polizze contro gli infortuni, per esempio: con questi prodotti ci si può tutelare dal rischio di inabilità temporanea (in cui al verificarsi dell’evento si avrà diritto a una diaria per il periodo di lavoro perso e al rimborso delle spese mediche); oppure dall’eventualità di morte o invalidità permanente, cioè la perdita totale o parziale di svolgere un’attività lavorativa (o anche la propria specifica professione, se il contratto lo prevede). Nel secondo caso, se l’infortunio determina l’invalidità permanente si avrà diritto a un’indennità in base alla percentuale di invalidità calcolata sul capitale assicurato, salvo possibili franchigie; in caso di morte, invece, il capitale verrà versato agli eredi o ai beneficiari della polizza.

È evidente che la prima opzione, quella che tutela in caso di inabilità temporanea, convenga più che altro ai lavoratori autonomi, perché i dipendenti sono già protetti nel caso in cui un infortunio li costringa ad assentarsi dal lavoro per un determinato periodo. Mentre il contratto che tutela in caso di invalidità permanente o morte è particolarmente indicato per il capofamiglia, soprattutto nel caso in cui sial’unico o il principale portatore di reddito della famiglia. E se svolge il suo tenore di vita è legato a una specifica professione, può scegliere un contratto in cui tutelarsi anche solo dalla possibilità di non poterla più svolgere: pensiamo a un pianista che perda l’uso di alcune dita.

In generale le polizze infortuni sono consigliabili a chi svolge un mestiere pericoloso, che può quindi scegliere una formula di copertura per i soli incidenti avvenuti sul lavoro. Ma si può anche scegliere una copertura per i soli infortuni avvenuti nel tempo libero, oppure optare per una copertura 24 ore su 24. Dopo aver valutato le proprie esigenze, prima della sottoscrizione è importante anche capire quali siano le condizioni della polizza: quali sono le franchigie (grado di invalidità non coperta, giorni di assenza dal lavoro per i quali non si ottiene nulla). E, soprattutto, guardare la lista dei rischi non coperti: per esempio, gli incidenti avvenuti durante la pratica di sport pericolosi.

Anche nella scelta delle polizze salute e malattia si deve fare molta attenzione: sotto questa denominazione ricadono diverse declinazioni contrattuali. Questi prodotti possono coprire il rimborso delle spese mediche (con o senza cure odontoiatriche), i costi per i ricoveri e gli interventi chirurgici a seguito di malattia, oppure offrire indennità giornaliere di ricovero e indennità da invalidità permanente che derivi da malattia. Tra le assicurazioni malattia rientrano anche le polizze cosiddette Critical illness o Dread disease, che tutelano dal rischio di contrarre una malattia grave tra quelle incluse nella polizza (per esempio infarto, cancro, cecità, ictus) con il pagamento di un capitale prefissato, e le Long term care, che garantiscono una rendita vitalizia nel caso in cui l’assicurato perda l’autosufficienza. Ci sono inoltre dei contratti assicurativi Vita che prevedono anche alcune forme di copertura sanitaria, come l’offerta di visite mediche per la prevenzione (è il caso di iLife di Genertel del gruppo Generali). E contratti che offrono prestazioni mediche specifiche, come Unisalute del gruppo Unipol, che ha pacchetti assicurativi per le cure odontoiatriche, per la fisioterapia, per la prevenzione cardiovascolare.

Per orientarsi in un’offerta così vasta, è fondamentale valutare quindi quali sono le proprie abitudini di vita, la composizione del proprio nucleo familiare, le proprie esigenze specifiche e il proprio budget, e considerare attentamente le caratteristiche della polizza: l’entità del premio, che sarà tanto più alto quanto maggiori saranno le coperture (ma sull’entità incidono anche età e salute del sottoscrittore), le coperture garantite e quelle specificamente escluse, le franchigie.

Related posts

Top