Poste Italiane, forte balzo degli utili nel primo trimestre 2018. Si cerca un partner per l’Rc auto

Poste Italiane HiRes

Poste Italiane HiRes

Il Gruppo ha registrato una decisa crescita sia per il risultato operativo (+34% a 703 milioni), in virtù di un approccio disciplinato alla gestione dei costi, sia per l’utile netto (+38% a 485 milioni). In crescita anche i ricavi (+1,8% a 2,9 miliardi), trainati dal risparmio postale; le masse gestite hanno raggiunto quota 514 miliardi (+3,3% rispetto all’anno precedente), grazie ad una raccolta netta pari a 4,4 miliardi. Per quanto riguarda i servizi assicurativi, gli indicatori sono in leggero calo rispetto ai primi tre mesi del 2017: -0,9% a 324 milioni per i ricavi, -0,7% a 144 milioni per il risultato operativo e -2,1% a 95 milioni per l’utile netto. È in corso la selezione di potenziali partner per l’assicurazione auto

Il CdA di Poste Italiane ha approvato la scorsa settimana i risultati del primo trimestre 2018, che mostrano un andamento positivo nonché i primi progressi realizzati nell’attuazione di Deliver 2022, il piano strategico quinquennale “che si propone di valorizzare l’unicità della rete di distribuzione del Gruppo”. In crescita anche i ricavi complessivi (+1,8% a 2,9 miliardi), trainati dal risparmio postale. Le masse gestite ha raggiunto quota 514 miliardi (+3,3% rispetto all’anno precedente), grazie ad una raccolta netta pari a 4,4 miliardi di Euro.

L’attività assicurativa conferma l’allineamento con gli obiettivi strategici del piano Deliver 2022. Il primo aggiornamento mostra infatti un ribilanciamento dell’offerta assicurativa, con l’aumento graduale dei prodotti di Ramo III; una solida crescita delle attività relative ai fondi individuali pensionistici; lo sviluppo dell’offerta non-Vita tramite la crescita nel settore Danni e la selezione (in corso) di un potenziale partner per l’assicurazione auto.

Per quanto riguarda i risultati dei servizi assicurativi, il settore registra ricavi per 324 milioni (-0,9% rispetto al primo trimestre 2017); i miglioramenti osservati nei rami Danni (+18,5% a 29 milioni) e per i fondi individuali pensionistici (+76,8% a 16 milioni) non hanno interamente controbilanciato la flessione generata dai rami Vita (-5,1% a 278 milioni).

I premi lordi contabilizzati sono diminuiti del 10% rispetto all’anno precedente, con un incremento costante nel ramo Danni (+21,3%) e dei prodotti unit linked (+194,7%) che ha leggermente attenuato il calo complessivo del segmento Vita (-11% rispetto all’anno precedente). L’andamento del Vita, spiegano da Poste Italiane, “è il risultato di un ribilanciamento nel portafoglio dei nostri clienti, con un costante aumento dei premi generati dai prodotti unit linked e multi-asset Ramo III” che ha contrastato il calo delle gestioni separate.

I rendimenti delle polizze di ramo I sono scesi al 2,56%, “a causa di un persistente contesto di bassi tassi di interesse”, in linea con gli obiettivi di Gruppo. Il rendimento minimo garantito ai clienti, allo stesso tempo, si è ridotto di 11 punti base rispetto all’anno precedente ed è pari a 0,86%, “riflettendo il graduale esaurimento di polizze di questo tipo”.

Le riserve tecniche sono aumentare del 3,7% rispetto a dicembre 2017 (a 128,2 miliardi di Euro), grazie ad un incremento della raccolta netta di tre miliardi e ad un aumento delle plusvalenze latenti (a un miliardo).

Il Gruppo ha una solida posizione patrimoniale, con un indice di solvibilità (Solvency II Ratio) del 284%, in rialzo di cinque punti percentuali rispetto alla fine del 2017.

Nel comparto Danni, oltre al citato aumento della raccolta, si è osservato anche un miglioramento del combined ratio, pari al 51,1%.

Il risultato operativo del comparto si attesta a 144 milioni, lo 0,7% in meno rispetto ai primi tre mesi del 2018; in calo anche l’utile netto: -2,1% a 95 milioni.

“Il brillante andamento dei risultati del primo trimestre è frutto del rapido impatto di Deliver 2022, il nostro piano strategico quinquennale costruito sulla base di ipotesi prudenti, con un rischio di esecuzione molto basso – ha commentato Matteo Del Fante, amministratore delegato e direttore generale di Poste Italiane –. Hanno contributo a questi risultati tutte le aree di business, con un impatto reale chiaramente evidente sia al livello operativo sia al livello di risultato netto. In particolare, la concentrazione di tutto il Gruppo sulla disciplina dei costi, coniugata ad una maggiore attenzione dal lato commerciale, sta già producendo risultati su tutto il business”.

“Il primo trimestre – ha aggiunto Del Fante – ha registrato il raggiungimento di alcune tappe fondamentali che ci permetteranno di confermare il nostro posizionamento come la rete di distribuzione più affidabile ed efficiente d’Italia. Gli accordi di distribuzione stretti di recente ampliano la gamma di prodotti che siamo in grado di offrire attraverso la nostra rete ai nostri 34 milioni di clienti, mentre la completa attuazione del nuovo modello di recapito permetterà a Poste Italiane di sfruttare al meglio la rapida crescita della logistica legata all’e-commerce”.

Intermedia Channel


Poste Italiane – Presentazione risultati al primo trimestre 2018 (in inglese)

Related posts

Top