Presentato Meditchain, nuovo Consorzio per sviluppare soluzioni basate su Blockchain e DLT

Blockchain (Immagine TheDigitalArtist - Pixabay) (4) Imc

Blockchain (Immagine TheDigitalArtist - Pixabay) (4) Imc

Il Consorzio – al quale hanno già aderito sette aziende – intende realizzare soluzioni basate su blockchain e Distributed Ledgers Technology (DLT), mettendo a fattore comune competenze ed esperienze del mondo accademico, finanziario, imprenditoriale. Agrifood, Arte, E-commerce, Logistica e Pubblica Amministrazione i primi settori su cui Meditchain è al lavoro grazie al team di ricerca e sviluppo di Informamuse, società nata come spin-off accademico del Dipartimento di Ingegneria Informatica dell’Università degli Studi di Palermo (che ha progettato la rete Meditchain)

“Favorire la realizzazione concreta di progetti che utilizzano la tecnologia blockchain attraverso una rete privata di nodi, lo scambio di esperienze, il supporto operativo ai vonsorziati, in qualunque ambito essi operino, con la condivisione di costi e ricavi. E tutto con uno sguardo anche internazionale, per creare una rete blockchain del Mediterraneo che possa contribuire alla cooperazione e all’interscambio socio-economico tra tutti i popoli che vivono lo stesso mare”. È questo l’obiettivo del Consorzio Meditchain, presentato lo scorso 15 marzo dal fondatore e presidente Marco Di Marco.

“È tempo che la blockchain superi la fase dei convegni e dei progetti pilota, e metta in campo concretamente il suo potenziale. Per farlo dobbiamo passare dalle parole ai fatti, mettendo a disposizione competenze, esperienza e servizi alle imprese che vogliono innovare con la blockchain e la Distributed Ledgers Technology (DLT) – ha spiegato Di Marco –. Il Consorzio Meditchain nasce per questo ed è il primo consorzio nazionale che mette insieme una pluralità di soggetti che, pur operando in ambiti diversi, hanno deciso di procedere insieme nello sviluppo di soluzioni basate su questa tecnologia innovativa”.

Elemento centrale del Consorzio è la rete Meditchain, una blockchain progettata e realizzata ad hoc InformAmuse, spin-off accademico del Dipartimento di Ingegneria Informatica dell’Università degli Studi di Palermo, che figura anche tra i fondatori del Consorzio stesso.

L’approccio multisettoriale di Meditchain è rispecchiato dalla composizione dei consorziati: oltra a InformAmuse, hanno aderito al progetto una banca del territorio (Popolare di S.Angelo), il system integrator ElmiMDM Holding, società di consulenza alle imprese, Giglio.com (piattaforma di vendita on line B2C di abbigliamento multimarca), RMSTUDIO (studio di consulenza tradizionale che offre servizi professionali con soluzioni Blockchain) e Partitalia (società operante nel mercato delle smart card e delle soluzioni con tecnologia RFID).

“Il Consorzio è aperto a nuove adesioni – ha evidenziato Di Marco –. Per Meditchain, infatti, ogni nuovo Consorziato aggiunge valore alla rete: più saranno i partecipanti (Nodi), maggiore sarà la solidità della rete e l’affidabilità”.

Il Consorzio Meditchain, infine, sta lavorando su numerosi progetti per il biennio 2019-2020. In particolare, sta sviluppando soluzioni:

  • nell’Agrifood, “contro le frodi e la contraffazione alimentare a tutela del Made in Italy”;
  • nel mondo dell’arte, “per garantire la tracciabilità e l’autenticità delle opere”;
  • nel settore finanziario e assicurativo, “per offrire servizi innovativi e garantire maggiore trasparenza”;
  • nell’e-commerce, “per tracciare le spedizioni e gestire tramite smart contracts i rapporti tra fornitori e produttori”;
  • nel mondo dei rifiuti, “per garantire un servizio trasparente, attento alla legalità, alla natura e all’ambiente”;
  • nella Pubblica Amministrazione, per offrire servizi trasparenti, inclusivi e sicuri. Il Consorzio, tramite Informamuse, ha già aperto sul MEPA (il Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione) una proposizione blockchain dedicata agli enti della PA che desiderano utilizzare questa tecnologia per implementare processi all’interno delle proprie organizzazioni.

Intermedia Channel

Related posts

Top