PROVE DI ACCORDO TRA SNIASS E SNA

Maurilio Traetto Imc

Alcuni giorni fa il presidente dello SNIASS Maurilio Traetto (nella foto) e il presidente dello SNA Claudio Demozzi si sono incontrati a Milano per iniziare un percorso comune che dovrebbe portare ad un accordo quadro tra le due associazioni di categoria. Ne da notizia un comunicato a firma dello stesso presidente SNIASS apparso sul blog ufficiale del sindacato.

Gli argomenti che Traetto vorrebbe portare all’interno dell’accordo riguardano tutta una serie di questioni relative alla sezione E del RUI, da molto tempo nell’agenda SNIASS:

  • Normativa per i rapporti tra A ed E. L’accordo viene chiamato A.E.C.E. (Accordo Economico Collettive “E”), e all’interno vi si prevede, oltre alla normativa, una bozza di lettera di collaborazione e bozza più testo di una fidejussione a perdita definitiva, da presentarsi da parte di E nei confronti di A per le obbligazioni assunte con la lettera di collaborazione;
  • Cassa di previdenza per gli E;
  • Polizza di RC Professionale solo per gli E / remoti (nell’ambito delle eventuali controversie è previsto l’arbitrato irrituale, gestito da entrambi i sindacati, SNIASS e SNA);
  • Riconoscimento e mantenimento del rapporto di collaborazione di E nei confronti del subentrante A, gradimento precostituito ed automatico della preponente in fase di cambio di gestione.

Il presidente SNIASS ha inoltre annunciato che la bozza dell’accordo quadro sarà presentata in una tavola rotonda costituente da tenersi nel prossimo mese di dicembre e che i due presidenti hanno concluso il loro incontro impegnandosi verbalmente a sottoporre ai propri iscritti quanto elaborato per l’approvazione.

Intermedia Channel

Related posts

11 Comments

  1. Maurilio Traetto said:

    Colgo l’ occasione per rivolgermi ai lettori di IC per comunicare che SNIASS ha programmato per il mese di dicembre 2012 una Convention per dibattere una serie di regolamenti oltre la bozza, preparata dal Comitato dei Saggi di SNIASS, di un nuovo contratto di collaborazione tra intermediari. La tavola rotonda dovra’ inoltre approvare il codice deontologico degli E. Richiediamo una numerosa presenza alla Convention riservata agli intermediari iscritti in sezione E. Per ulteriori informazioni utilizzate il nostro sito http://www.sniass.it. Vi aspettiamo.
    MT

  2. Maurilio Traetto said:

    Mi rivolgo a tutte le organizzazioni sindacali. A mio avviso ritengo che sia giunto il momento storico di dare inizio ad una verifica se e’ giunto il momento di pensare a dividere gli intermediari che operano in esclusiva da quelli invece che hanno scelto di operare in pluri. Gli interessi degli uni non corrispondono a quelli degli altri. MT

  3. gianni said:

    Non ci sono molte strade…o attendere il Congresso Nazionale che, ne sono certo, dalla scadenza naturale di gennaio scivolerà almeno a marzo 2013 in modo da “eliminare” i fastidiosi dissenzienti, od autoconvocare il Comitato Centrale, servono una quarantina di firme, per chiedere conto a Demozzi dei disastri causati in questi mesi e lì fare la conta…se i Presidenti dissenzienti e i Presidenti provinciali che la pensano come loro facessero uno sforzo serio di coordinamento a gennaio si potrebbe fare la verifica.
    …come si dice “HIC RODUS, HIC SALTA”!

    • Maurilio Traetto said:

      Ma che cosa vuole fare da grande ? L’ agenzia tradizionale e’ oramai un’ attivita’ in totale disuso dove esistono solo precarieta’ e costi per l’intermediario.

  4. Gabriele said:

    Fare accordi con tutti, meno con l’interlocutore naturale degli agenti, vale a dire l’ANIA, vuol dire essere incapsci e masochisti puri. Unico vero scopo é quello di venire eulla stampa con foto e tanto di sorriso. In 10 mesi di mandato, lo stesso Demozzi ha pubblicato sul suo profilo Facebook che lo SNA ha avuto 589 passaggi sui media. Un risultato storico, mai avvenuto in precedenza. Peccato, però, che sia l’unico risultato positivo. Ma vogliamo fermare e mandare a casa questo “personaggio” che si spaccia per rappresentante della categoria, il quale a causa della sua grave sindrome di egocentrismo ed esibizionismo dell’ego, sta trascinando gli agenti di assicurazione nel baratro più profondo, con danni irreversibili? Ma la categoria, quella vera, che svolge la professione di agente, iscritta o non iscritta allo SNA, quando si sveglierà dall’indifferenza e dal retorico buonismo dell’unità di categoria, parola ormai divenuta inflazionata e ipocrita? Bisogna agire con responsabilità e sopratutto con coraggio, presto, prima che sia troppo tardi

    • Maurilio Traetto said:

      Caro mio e’ ora che cambi idea su chi e’ il tuo vero interlocutore. Per Noi società’ sono solo dei fornitori di prodotti. La casta degli agenti in esclusiva sta per morire, non e’ possibile farsi vessare dalle preponenti. A me no che ti ritieni un parasubordinato. Ora comprendo le difficolta’ di Demozzi nel portare avanti un programma di totale cambiamento dove esistono dei fornitori e gli intermediari, tutto il resto e’ …..noia ! Maurilio Traetto Presidente Nazionale degli Intermediari Liberi ,

  5. Diogene said:

    Bravo demozzino: accordi con tutti !
    … manca solo un po’ di accordo anche con gli Agenti .

  6. gianni said:

    WOW…si profila l’ennesimo STORICO accordo a firma Demozzi…veramente interessante ed innovativo…chissà chi si presterà a fornire una fidejussione ai subagenti, forse qualche Compagnia in LPS ungherese o rumena o delle isole del canale…ed io potrò respingerLa se la Compagnia garante non mi ispira fiducia?
    …e chissà cosa ne penserà l’ANIA del diritto al mantenimento del rapporto in caso di cambio gestione…se non sbaglio, attualmente l’obbligo è di cancellare gli “E” a cura del cedente che eventualmente, se graditi, vengono reiscritti dal subentrante…si prepara una nuova letterina ANIA che conferma la decadenza dell’AEN 2003?
    Ma poi, vorrei capire, quali vantaggi ha l’iscritto in “A” da questo accordo e chi ha dato questo mandato a Demozzi…ah,certo… siccome con ANIA ed OO.SS. non si cava un ragno dal buco facciamo un bell’accordo con lo SNIASS, meglio se STORICO, e poi a valorizzarlo in Congresso ci pensano “i furbetti del quartiere”…

    • Maurilio Traetto said:

      Ancora una volta leggo un disfattista che non vede più” lontano del suo naso. Ricordo che siamo in Europa così facendo fate il gioco di chi non vuole fare entrare società europee. In merito agli E penso proprio che si dovrà, ricredere quanto prima. Desidero inoltre ricordarle che sniass e, un sindacato aperto a tutti gli intermediari A!B,E,C,D purché, …liberi ! MT

    • Maurilio Traetto said:

      Vorrei aggiungere, in merito alle fideiussioni. Le compagnie italiane nn vogliono garantire gli E perche’, a loro, nn interessa visto che ci sono gli A, a garantire e soccombere. Le ricordo che il numero degli E e’ prevale sul numero degli. Inoltre in questi ulltimi 10 anni il numero degli intermediari A si e’ ridotto di 10,000, unita’ passando da 25 Milan circa a 15 Mila mentre gli E sono oltre 200 Mila. Mediti !

      • Gianni said:

        Che bello avere tutte le risposte e vedere il futuro con chiarezza, con 5/10 anni di anticipo rispetto a quei minus habens che ancora vivono nell’incertezza….ma al di là degli slogan e del training autogeno, rispondere nel merito alle osservazioni???

Comments are closed.

Top