PUBBLICATO IL REGOLAMENTO IVASS 2/2013 SULLA PROCEDURA DI APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI NEI CONFRONTI DEGLI INTERMEDIARI E LE NORME DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI GARANZIA

IVASS HPL’IVASS ha emanato lo scorso 8 ottobre il Regolamento n. 2, che ha come oggetto la procedura di applicazione delle sanzioni disciplinari nei confronti degli intermediari assicurativi e riassicurativi e le norme di funzionamento del Collegio di garanzia. Il nuovo regolamento è stato oggetto di pubblica consultazione dal 10 luglio al 9 agosto 2013 e va a sostituire dal 31 ottobre 2013 il Regolamento ISVAP 6/2006, che viene ridefinito “tenuto conto dell’istituzione dell’IVASS ed in conformità con il piano di riassetto organizzativo dell’Istituto di cui alle nuove norme di organizzazione e funzionamento approvate, da ultimo, con delibere del Consiglio del giugno 2013“.

Le norme del nuovo regolamento rivisitano e razionalizzano l’attribuzione delle competenze accertative ed istruttorie in materia di procedimento disciplinare nei confronti degli intermediari assicurativi e riassicurativi trasferendone la titolarità dall’Ufficio Consulenza Legale al Servizio Vigilanza Intermediari Assicurativi. Tale scelta organizzativa, secondo l’Istituto, consente di “accentrare presso un unico Servizio di Vigilanza (Intermediari Assicurativi) i compiti di accertamento e contestazione degli addebiti nei confronti di intermediari assicurativi e riassicurativi ai fini dell’irrogazione sia della sanzione amministrativa pecuniaria, sia della sanzione disciplinare“.

Il Regolamento non apporta modifiche sostanziali né al funzionamento del Collegio di garanzia, le cui regole restano immutate, né alle fasi di trattazione del procedimento innanzi al Collegio e di conclusione del procedimento medesimo. Il termine finale entro il quale deve concludersi il procedimento resta confermato in 365 giorni dall’avvio dello stesso, fatte salve, come per il passato, le cause legittime di sospensione.

In un’ottica di maggiore chiarezza e semplificazione, il Regolamento inoltre:

  • Precisa le fasi relative all’accertamento dell’illecito disciplinare ed all’avvio del procedimento, indicando modalità di accertamento, decorrenza dei termini per l’avvio mediante contestazione degli addebiti, soggetti destinatari della comunicazione di avvio e contenuti dell’atto di contestazione;
  • Elimina la menzione di fasi preistruttorie meramente interne, prive di rilevanza per l’intermediario e per la sua difesa;
  • Non prevede la notifica dell’avvio del procedimento alle imprese o agli intermediari mandanti (che hanno in corso, o avevano all’epoca dei fatti, incarichi di collaborazione con l’incolpato), “rafforzando la tutela del diritto reputazionale e della riservatezza dell’intermediario fintanto che il procedimento non sia concluso“;

Regolamento IVASS 2/2013 concernente la procedura di applicazione delle sanzioni disciplinari nei confronti degli intermediari e le norme di funzionamento del Collegio di garanzia (file .zip contenente testo del Regolamento, relazione e commento agli esiti della pubblica consultazione)

Intermedia Channel

Related posts

Top