QBE: LE IMPRESE EUROPEE GUARDANO AI MERCATI EMERGENTI

QBE HPQBE European Operation ha pubblicato recentemente i risultati di una ricerca volta ad analizzare il sentiment e le strategie adottate da un campione di aziende europee per resistere alla crisi economica.

Sono stati intervistati i decision maker di 500 aziende, residenti nel Regno Unito, Francia, Germania, Italia e Spagna. I questionari prevedevano 14 domande costruite “per conoscere la predisposizione a estendere all’estero il proprio business, i rischi connessi a questo progetto e le modalità con le quali le aziende intendono affrontare tali rischi“.

Dai risultati è emerso che:

  • Il 50% delle imprese si aspetta che ci vorranno almeno 2 anni prima di vedere una ripresa economica;
  • Il 66% del campione per rispondere alla crisi, pianifica di estendere le proprie operazioni in nuovi paesi nei prossimi 5 anni;
  • Le aree chiave individuate per l’espansione sono l’Asia (29%), il Sud America (27%) e l’Africa (16%);
  • Il 44% degli intervistati vede nella legislazione locale il più grande rischio connesso alle operazioni di espansione.

La soluzione alla crisi risiede fuori dai confini europei

Il 57% del campione ritiene che la crisi economica dei mercati nazionali “sia un forte driver all’espansione” e il 51% si aspetta da questo progetto “un buon potenziale di crescita aziendale e di ritorno sugli investimenti“.

Oltre il 70% delle aziende individua nei mercati emergenti asiatici (29%) del Sud America (27%) e dell’Africa (16%) le migliori opportunità di sviluppo ma non trascura naturalmente i rischi di operare in territori poco familiari.

I piani di espansione sono lo specchio del pessimismo nazionale

La volontà di espansione internazionale delle aziende è collegata alla percezione delle proprie performance rispetto ai competitor europei. Secondo i risultati della ricerca, l’Italia e la Spagna quindi progettano di estendere il proprio business oltre confine più di quanto non facciano le aziende in Germania e nel Regno Unito.

Nel dettaglio, l’82% delle aziende italiane ritiene di avere risultati aziendali inferiori rispetto alle altre aziende europee e desidera aumentare il numero dei paesi in cui opera. In Spagna è il 73% delle aziende a voler uno sviluppo internazionale, mentre ben l’87% comprende di essere più in difficoltà rispetto ai competitor europei.

Numeri differenti per i paesi core, più solidi del resto dell’Europa e meno propensi all’espansione: solo il 44% delle aziende in Germania e il 43% nel Regno Unito hanno pensato di esportare la propria attività all’estero.

Il rischio più grande è legato alle normative locali

Secondo quanto risulta dalla ricerca QBE, nell’individuare i fattori di rischio a cui un’azienda che si espande all’estero va incontro, il 44% del campione intervistato ha concordato nel ritenere le normative locali l’ostacolo più insidioso. Seguono, con il 35%, le criticità legate a culture e pratiche di business diverse, mentre i rischi di stabilità finanziaria e politica, si attestano rispettivamente al 33% e al 28%. Dal sondaggio risulta inoltre che solo poche aziende considerano di ricorrere alla competenza dei loro assicuratori per affrontare i rischi legati all’espansione del business. Mentre il 24,3% delle aziende intervistate ricorre a un assicuratore internazionale con sede nei paesi in cui opera, solo il 3,1% del campione ha citato la capacità di copertura dai rischi legati alla legislazione locale come fattore di scelta della compagnia assicurativa. E ancora, solo il 7,3% degli intervistati ha classificato come fattore importante la capacità di un assicuratore di gestire sinistri a livello locale.

L’estensione della presenza all’estero sarà un tema chiave per gran parte delle imprese europee e questo comporterà, necessariamente, una revisione delle politiche di gestione dei rischi”, ha commentato Piero Asso, General Manager di QBE Italia. “Le risposte al sondaggio QBE indicano che tra i manager italiani, rispetto al passato, è sempre più chiara l’importanza che possono avere scelte strategiche vincenti sul futuro della propria azienda. In questo contesto, gli assicuratori possono esercitare un ruolo importante per lavorare a fianco dei propri clienti assistendoli nel processo di crescita e proteggendoli dai rischi, esterni o interni, che in questa fase recessiva sono cresciuti“.

Intermedia Channel

Related posts

Top