Qudos Insurance, dichiarato il falllimento

Qudos Insurance HiRes (2) HP

Qudos Insurance HiRes (2) HPFacendo seguito ai comunicati stampa del 26 ottobre e dell’11 dicembre u.s., l’IVASS informa che in data 20 dicembre 2018 l’Autorità di Vigilanza danese Danish Financial Services Authority (DFSA) ha reso noto, nell’ambito della Piattaforma di Collaborazione tra le Autorità di vigilanza europee, che Qudos Insurance, impresa con sede in Danimarca operante in Italia in regime di libera prestazione di servizi (ossia senza una sede stabile) principalmente nel settore garanzie accessorie auto (ad esempio: incendio, atti vandalici, kasko, ecc.) è stata dichiarata fallita dall’Alta Corte Marittima e Commerciale di Copenhagen.

L’Autorità di Vigilanza danese evidenzia che gli assicurati possono dare disdetta dei contratti in corso e che tutti i contratti cesseranno la loro efficacia tre mesi dopo la data di dichiarazione del fallimento, cioè il 20 marzo 2019. L’Autorità danese suggerisce agli assicurati di disdettare i contratti e di ricercare coperture assicurative alternative.

Il curatore del fallimento è l’Avv. Boris Frederiksen (e-mail: qudos@kammeradvocaten.dk).

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il comunicato pubblicato sul sito dell’Autorità di Vigilanza danese con le relative Q&A e quanto indicato da Qudos Insurance sul proprio sito web.

L’Autorità danese ha messo a disposizione anche il numero telefonico +45.41933500 (attivo dalle 10.00 alle 14.00) per avere informazioni sul fallimento della compagnia.

Gli assicurati hanno la possibilità di rivolgersi al Fondo di Garanzia danese per le polizze e i sinistri che godano della relativa protezione. L’intervento del Fondo riguarda anche la restituzione della quota di premio non goduta, previa applicazione di una detrazione fissa di 1.000 Corone Danesi (circa 134 euro). A tal fine sarà reso disponibile sul sito di Qudos Insurance un apposito formulario. Sul sito del Fondo e dell’impresa sono disponibili le tipologie di rischio per le quali è previsto l’intervento del Fondo.

Nel caso sussista la copertura del Fondo, le richieste di intervento, corredate da adeguata documentazione, potranno essere prese in considerazione solo se pervenute al Fondo stesso entro il giorno 20 giugno 2019.

Il Fondo di garanzia copre anche i danni verificatisi successivamente alla dichiarazione di fallimento e comunque non oltre 4 settimane dalla comunicazione da parte del liquidatore dell’avvenuto fallimento.

Per quanto concerne i sinistri e le polizze non coperti dal Fondo, si può fare riferimento alle indicazioni contenute nel sito dell’impresa (precedentemente indicato).

Per ogni assistenza è inoltre possibile rivolgersi al Contact Center Consumatori IVASS: numero verde 800-486661, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 14.30.

Intermedia Channel

Related posts

*

Top