RAPPORTO EULER HERMES: CRESCONO I MANCATI PAGAMENTI TRA LE IMPRESE ITALIANE

Report Euler Hermes III Trimestre Imc

La decelerazione della crescita economica nazionale (Pil – 2,3% nel 2012) si riflette sull’andamento dei mancati pagamenti delle imprese italiane. Dopo 9 mesi, la frequenza dei debiti non onorati cresce del 25% sul mercato domestico e del 5% sul mercato Export

Euler Hermes ha pubblicato il Report sui Mancati Pagamenti relativo al terzo trimestre 2012, ricerca periodica sugli andamenti dei pagamenti delle imprese italiane. Un’attenta analisi condotta su ogni singola Regione, comprensiva di un approfondimento per i diversi settori merceologici, che ha come base il monitoraggio giornaliero dei pagamenti tratto dalla banca dati Euler Hermes Italia, costituito da circa 450.000 aziende.

Il rapporto consente di analizzare in anticipo il trend del ciclo economico e rappresenta una guida utile per orientarsi nel complesso scenario economico/finanziario che stiamo vivendo. Fotografa inoltre in modo analitico lo stato di salute dei segmenti produttivi fondamentali: elimina il rischio di scelte approssimative e scandisce i tempi della competitività.

I dati del 3° trimestre 2012 rispetto allo stesso periodo del 2011, registrano sul mercato interno la crescita della frequenza (+ 25%), indicatore del numero dei mancati pagamenti, mentre la severità, analisi degli importi medi, resta invariata. Il mercato Export, dopo il buon andamento nel 2011 e i primi mesi del 2012, mostra segnali di deterioramento su entrambi gli indicatori: frequenza (+ 5%) e severità (+ 9%).

I mancati pagamenti in Italia – afferma Andrea Misticoni, Direttore Centrale di Euler Hermes Italia – proseguono il trend di crescita anche nel 3° trimestre 2012. Il forte rallentamento dei consumi privati, la stretta finanziaria in essere e la relativa crisi di liquidità stanno alimentando sul mercato interno la crescita dei debiti non onorati tra le imprese. Molti i settori colpiti tra i quali l’agroalimentare, affetto dall’inefficienza della catena distributiva e dalla crescita dei costi per le imprese agricole mentre nella filiera della pelle soffrono le calzature. Il comparto delle costruzioni continua il suo trend negativo anche a causa dell’assenza di investimenti pubblici nelle infrastrutture utili allo sviluppo economico del Paese”.

Dal lato export – prosegue Misticoni – , si evidenzia un peggioramento dei pagamenti soprattutto in termini di importi medi. Ad incidere su quest’ultimo dato, gli incrementi registrati nei settori chimica, carta e siderurgia. La meccanica, invece, con i suoi prodotti a valore aggiunto e con la specificità di alcune nicchie del comparto, prosegue la sua crescita nei mercati Export esplorando sempre più le mete extra UE”.

Alcuni segnali di miglioramento per il mondo imprenditoriale si incominceranno ad intravedere agli inizi del 2013 anche se i principali indicatori economici del Paese torneranno ad essere positivi a partire dal 2014 – conclude Misticoni – . Insieme alle misure intraprese dal Governo per dare nuovo slancio all’economia, bisognerà attuare e verificare l’impatto della Direttiva Europea sui termini di pagamento (obbligatoria da Marzo 2013 sia per la PA che per le imprese private) e smobilizzare quanto prima gli oltre 90 miliardi di crediti vantati dalle imprese che lavorano a stretto contatto con gli Enti Pubblici. Solo così sarà possibile far fronte all’esigenza di liquidità delle imprese”.

Intermedia Channel

Related posts

Top