RBM Assicurazione Salute sostiene la vaccinazione come strumento di protezione per la collettività

Vaccino - Vaccinazione Imc

Vaccino - Vaccinazione Imc

Morbillo, meningite, vaiolo… alcuni dei “vecchi” nemici della Salute sembrano riaffacciarsi in Europa. Per la compagnia specializzata nell’assicurazione sanitaria, che ricorda come grazie ai vaccini vengano salvate 2,5 milioni di vite ogni anno, le fondamenta dell’impianto vaccinale vengono messe in discussione con effetti preoccupanti: lo scorso anno in Europa il morbillo ha ucciso 35 persone e ne ha colpite 21.315, il 400% in più rispetto all’anno precedente. Necessaria una normativa in materia volta a tutelare la salute collettiva

“Dare all’Italia una legge in materia di vaccini volta a tutelare la salute della collettività è un segnale di responsabilità che le famiglie italiane attendono con ansia per uscire da una situazione di incertezza e timore che ha caratterizzato l’avvio dell’anno scolastico 2018-2019”, Marco Vecchietti, amministratore delegato e direttore generale di RBM Assicurazione Salute, espone con chiarezza la posizione della compagnia specializzata nell’assicurazione sanitaria in merito alla vaccinazione ed alla loro importanza quale strumento di protezione collettiva. “Rivendicare una facoltà incondizionata di esercitare il libero arbitrio in campo sanitario, senza tenere in considerazione la tutela della salute pubblica, peraltro in assenza di adeguate informazioni scientifiche, è un’attività che può comportare gravissime conseguenze per la collettività”, puntualizza inoltre Vecchietti.

Dati alla mano, evidenziano da RBM, secondo l’Oms i vaccini sono oggi in grado di salvare 2,5 milioni di vite l’anno nel mondo, “eppure il valore della prevenzione vaccinale sembra essere diventato una mera opinione. Dal 2013 al 2016 si è registrato un significativo calo delle coperture vaccinali con conseguenze dirette sulla salute di tutti gli italiani”. Nel corso del 2017, in particolare, il nostro Paese è stato interessato da un’estesa epidemia di morbillo che ha causato quasi 5.000 casi (oltre 300 tra operatori sanitari) con quattro decessi, come documentato dal rapporto ISS del gennaio 2018. Sempre guardando i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, il nostro Paese si piazza al secondo posto nella classifica degli Stati europei per numero di contagiati di morbillo.

“Vaccinare i nostri figli non è solo un gesto di amore e responsabilità verso di loro, ma anche un dovere verso i figli degli altri – dichiara Vecchietti –. Penso si tratti di un atto di responsabilità sociale e di tutela sanitaria assolutamente doveroso. Per disporre di un diritto alla salute davvero esigibile bisogna avere come direttrice la protezione di se stessi e degli altri e un Sistema Sanitario che funziona si basa inevitabilmente sulla condivisione di tutte le azioni di tutela della salute dalla prevenzione alla cura passando per la piena accessibilità alle cure”.

Vaccinarsi, ricordano ancora dalla compagnia, “significa infatti tutelare se stessi, ma anche l’intera collettività: se almeno il 95% della popolazione è vaccinata si proteggono indirettamente anche coloro che, per motivi di salute, non è stato possibile sottoporre alla vaccinazione. O chi, come un bimbo trevigiano appena guarito dalla leucemia dopo un trapianto e una durissima chemioterapia, non potrà entrare in classe per la presenza di cinque compagni non vaccinati”.

Da tempo, sottolineano da RBM, il virologo del San Raffaele di Milano, Roberto Burioni, sta combattendo contro la disinformazione riguardo ai vaccini. “Non è vero che si ammalano anche i vaccinati – ha affermato e scritto più volte il medico –. Non è vero che dieci vaccinazioni sono troppe né tantomeno che le malattie scompaiono da sole”.

In questo contesto, anche la compagnia ha quindi deciso di attivarsi, dando un incentivo a chi decide di vaccinarsi promuovendo una campagna ad hoc. Assicurazione è sinonimo di protezione: per RBM, dunque, la Salute degli italiani è sempre al primo posto. Per preservarla, spiegano dalla compagnia, deve essere avviato anche in Sanità un secondo pilastro sanitario in grado di rispondere ai nuovi bisogni di cura che costringono sempre più spesso i cittadini a ricorrere alla sanità privata come dimostrato dall’VIII Rapporto RBM-Censis.

In questo caso, RBM Assicurazione Salute si affianca al pubblico e lancia una sua iniziativa per favorire la diffusione delle vaccinazioni. A tutti i nuclei individuali assicurati (che non fanno parte di soluzioni collettive) che attestino di avere figli vaccinati tramite invio del libretto vaccinazioni, la compagnia rimborserà il 5% del premio annuo pagato. Per tutti coloro che sottoscrivono una polizza nucleo di almeno un anno, fino al prossimo 31 ottobre, attestando di avere figli vaccinati, tramite invio del libretto vaccinazioni, la compagnia rimborserà sempre il 5% del premio annuo pagato.

“Se l’assicurato segue uno stile di vita attento e sano, osserva le regole del vivere bene e si tiene in forma, guadagna sulla sua salute – conclude il numero uno di RBM –. Chi sta in salute non grava sulle spalle del SSN che potrebbe quindi veicolare diversamente queste risorse economiche risparmiate. Sui vaccini serve dare una corretta e adeguata informazione”.

Intermedia Channel

Related posts

Top