RESI NOTI I RISULTATI DELL’OSSERVATORIO AUTO AIBA

Comparazione Rc Auto Imc

Effetto crisi: crolla (-8%) la richiesta di garanzie accessorie (incendio, furto, kasko, ecc..). Diminuisce il vantaggio competitivo delle compagnie telefoniche e online: aumenti medi dello 0,8% contro una riduzione media del 5,2% delle compagnie tradizionali. Notevole incremento di prezzo per le polizze vendute in banca: +11,9%. Sempre più incidenti causati da veicoli non assicurati (+20% dal 2009 al 2011). Scende la tariffa media per le autovetture: (-4,9%) a 698 euro (735 euro un anno fa). Le riduzioni maggiori a Bologna, Firenze, Milano e Trento

Con un attento confronto fra le polizze Rc Auto presenti sul mercato si possono risparmiare fino a 584 euro sull’assicurazione della propria automobile. È quanto emerge dall’Osservatorio Auto di AIBA, l’Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni, realizzato in collaborazione con Iama Consulting, società di consulenza specializzata nel mercato assicurativo. L’indagine è stata effettuata sulla base dei prezzi di listino applicati dalla compagnie di assicurazione per le sole automobili e per i profili che presentano maggiore concentrazione di assicurati. A differenza di altre analisi che prendono in considerazione l’intero mercato, in questo caso sono stati esclusi i motocicli e tutti gli altri veicoli non classificati come autovetture. I dati sono stati raccolti da Check-It-Auto, lo strumento professionale dei broker AIBA per la comparazione delle tariffe e delle garanzie offerte da ogni singola polizza.

IL CALO PER LE AUTOVETTURE

Nell’ultimo anno si è fermata la lunga corsa al rialzo delle tariffe Rc Auto: a fine 2012 la tariffa media Rc Auto per assicurare un’autovettura risultava infatti di 698 euro, il 4,9% in meno rispetto ai 735 euro di fine 2011.

Le riduzioni tariffarie hanno interessato l’intero Paese, con punte del -9% a Trento. L’inversione di tendenza è dovuta alla diminuzione della frequenza dei sinistri (-13,4%), al calo dei costi legati alla microinvalidità e alla riduzione del costo dei sinistri (-3%).

Il calo delle tariffe Rc Auto per gli autoveicoli e la ritrovata redditività del comparto è un segnale importante che va sottolineato”, ha affermato il Presidente dell’AIBA, Francesco Paparella. “Tuttavia le coperture assicurative auto continuano a essere le più care d’Europa. Il mercato è caratterizzato dall’assenza di innovazione nei prodotti e dalla scarsa flessibilità dell’offerta. Nonostante i molteplici interventi normativi il fenomeno delle frodi non accenna a diminuire e i risarcimenti per i sinistri con lesioni di modesta entità, seppure in calo, si mantengono su valori elevati”.

Il nuovo impianto legislativo introdotto dal Governo Monti (abolizione del tacito rinnovo delle polizze e via libera alla collaborazione tra intermediari assicurativi) favorirà il calo dei prezzi delle coperture assicurative. “La libera collaborazione tra intermediari assicurativi – ha osservato Paparella – è un passo avanti verso un mercato più concorrenziale e maturo, dove i clienti potranno usufruire, senza alcun aggravio di costi, della consulenza di figure professionali in grado di garantire le migliori soluzioni disponibili sul mercato, al prezzo più vantaggioso”.

GLI EFFETTI DELLA CRISI SUL MERCATO AUTO

Il mercato delle polizze auto risente della crisi economica: le immatricolazioni franano (-20%); la spesa per l’acquisto di automobili nuove si riduce (-13%); il parco auto diminuisce (-36.000 veicoli) e continua a invecchiare (9,3 l’età media); si contrae la raccolta premi Rc Auto (-0,6%) e diminuisce dell’8% la raccolta delle garanzie aggiuntive (incendio, furto, kasko, ecc.).

Nonostante la leggera contrazione dei premi, la redditività dell’Rc Auto migliora: il combined ratio (rapporto tra oneri dei sinistri e premi) risulta infatti del 99%, inferiore alla soglia critica del 100% e in netto progresso rispetto al 103% di fine 2011.

Altri dati salienti emersi dall’indagine dell’Osservatorio AIBA: aumenta la mobilità dei clienti; risulta invariata la gamma di prodotti offerti; si registra una generalizzata presenza di clausola di rivalsa per guida in stato di ebbrezza; rimane stabile l’offerta di prodotti con sistema satellitare, aumentano delle polizze a consumo.

SAPER SCEGLIERE FA RISPARMIARE FINO A 584 EURO

Dai monitoraggi su tutto il territorio di Check It Auto si confermano dinamiche commerciali fortemente differenziate per profilo di rischio. Anche gli automobilisti virtuosi devono imparare a scegliere: con un attento confronto tariffario, per esempio, a Roma si possono risparmiare fino a 584 euro, fra il minimo di 396 euro richiesti da Allianz e i 980 euro di National Suisse.

IL RIBASSO NON E’ PER TUTTI

Se gli automobilisti virtuosi hanno beneficiato di una riduzione media dei prezzi di listino del 6,4% (589 euro), chi ha causato un incidente ha invece subito un rincaro del 4,5% (1.106 euro). La diminuzione della tariffa media a 698 euro (-4,9%) è imputabile agli interventi di alcune primarie compagnie tradizionali, che nel secondo semestre hanno premiato i clienti più appetibili. A Bologna, Firenze, Milano e Trento le riduzioni sono state superiori alla media di mercato, a differenza di Napoli e Torino dove il calo è stato inferiore. Rispetto agli anni precedenti è aumentata la frequenza dei cambiamenti tariffari: l’80% delle compagnie ha ritoccato le tariffe ogni tre mesi.

DIMINUISCE IL VANTAGGIO COMPETITIVO DELLE COMPAGNIE DIRETTE

Nel 2012 si è ulteriormente ristretto il vantaggio competitivo delle compagnie dirette (telefoniche e online): l’incremento medio dei premi applicati (+0,8%, tariffa media a 615 euro) è stato contrastato dalle politiche più aggressive applicate dalle compagnie tradizionali (-5,2%, tariffa media a 706 euro) che nel secondo semestre hanno abbassato le tariffe per i clienti migliori, grazie all’andamento dei conti tecnici. In decisa crescita invece (+11,9%) le tariffe applicate dalle banche.

AL SUD IL 70% DEI SINISTRI CAUSATI DA VEICOLI “NON IDENTIFICATI” E IL 60% DEI VEICOLI “NON ASSICURATI”

In alcune aree meridionali la situazione permane critica. Secondo i dati Consap – gestore del Fondo di Garanzia per le Vittime della strada che provvede al risarcimento dei danni causati da veicoli non identificati o senza Rca – dal 2009 al 2001 il numero di sinistri causati da veicoli non identificati è rimasto stabile a livello nazionale, per via del calo registrato al Centro-Nord e dell’incremento riscontrato nel Mezzogiorno. Il numero di sinistri causati da veicoli non assicurati è complessivamente cresciuto del 20%, con un incremento quasi doppio registrato nel Mezzogiorno rispetto al Centro-Nord. Circa il 70% dei sinistri causati da veicoli non identificati e oltre il 60% di quelli causati da veicoli non assicurati riguardano il Mezzogiorno.

TARIFFE UNISEX

L’introduzione del divieto di discriminazione sulla base del sesso (Gender Directive) non ha sostanzialmente avuto impatti tariffari, con l’eccezione della fascia di età dei giovani guidatori. Le tariffe “Unisex” entrate in vigore a dicembre sono mediamente meno care del 10% per gli uomini (rispetto a prima) e più care del 18% per le donne. Nella maggioranza dei casi i competitor hanno bilanciato i premi tra uomini e donne.

PREVISIONI 2013

Per l’anno in corso le immatricolazioni auto rimarranno sui livelli del 2012. Si prevede una ulteriore contrazione della raccolta Rc Auto e una maggiore tensione sul prezzo e politiche di pricing più aggressive sui target più appetibili di clientela. Aumenterà la competizione tra i canali distributivi, con l’ingresso sul mercato di nuovi operatori bancari. Alla luce delle nuove norme aumenterà la mobilità degli assicurati, mentre per effetto dell’introduzione dei provvedimenti antifrode diminuiranno i costi medi per sinistro.

Intermedia Channel

Related posts

Top