RISCHIO LONGEVITA’: SWISS RE, MUNICH RE E SCOR COPRIRANNO IL FONDO PENSIONE DIPENDENTI AVIVA

I tre colossi riassicurativi parteciperanno al trasferimento del rischio di longevità correlato a 5 miliardi di sterline di passività all’interno dello Staff Pension Scheme Aviva, coprendo 19.000 aderenti al Fondo, le loro vedove (o vedovi) e i partner civili

Aviva - Insegna (3) ImcSwiss Re, Munich Re e Scor metteranno a supporto di Aviva le proprie competenze nella copertura riassicurativa del rischio di longevità partecipando alle gestione del rischio dell’Aviva Staff Pension Scheme, il Fondo Pensione dei dipendenti del gruppo britannico. Con questa operazione, il Fondo avrà la copertura assicurativa necessaria per attendere ai suoi impegni finanziari nel caso in cui gli aderenti già in pensione vivessero più a lungo del previsto.

L’accordo riassicurativo del rischio di longevità tra i tre colossi riassicurativi ed Aviva coprirà i 19.000 aderenti ai quali il Fondo sta attualmente erogando le pensioni; le prestazioni saranno assicurate anche alle loro vedove (o vedovi) e partner civili. Swiss Re, Munich Re e Scor hanno lavorato con il gruppo britannico per trasferire il rischio di longevità – correlato a 5 miliardi di sterline di passività all’interno dell’Aviva Staff Pension Scheme – inizialmente verso Aviva Life & Pensions UK e successivamente sul mercato riassicurativo.

Thierry Léger, Global Head of Life & Health Products presso Swiss Re, ha così commentato l’accordo: “Siamo lieti di supportare Aviva in questa operazione. Sarà un punto di riferimento per il settore, perché l’accordo dimostra come le soluzioni riassicurative di longevità possono soddisfare le esigenze dei nostri più importanti clienti assicurativi. Siamo ben consci del fatto che l’aspettativa di vita è in aumento: questo tipo di assicurazione fornirà la serenità necessaria nel sapere che esiste una protezione per questo rischio, non importa quanto a lungo possano vivere le persone“.

Denis Kessler, presidente e amministratore delegato di Scor, ha aggiunto: “E’ un’operazione notevole non solo per le sue dimensioni (la maggiore di sempre nel Regno Unito – ndIMC), ma anche perché esemplifica perfettamente il modello strategico di partnership che adottiamo con i nostri clientidimostra come una dimostrazione della strategia di partnership adottiamo con i nostri clienti. In un ambito così complesso, è indispensabile trovare una soluzione che sia funzionale per tutti gli attori in gioco“.

Martin Lockwood, Head of Longevity presso Munich Re UK and Ireland Life, ha proseguito: “C’è sempre grande soddisfazione nel completare un’operazione simile, soprattutto perchè la copertura del rischio longevità presenta delle complessità che necessitano di essere definite in maniera efficace, con un reale impegno di tutte le parti in causa“.

Intermedia Channel

Related posts

Top