SISMA EMILIA: L’INAIL VELOCIZZA L’ITER PER GLI INDENNIZZI

Procedure più snelle rispetto all’ordinario. Lo assicura Alessandro Crisci, direttore Emilia Romagna dell’istituto.  

Intervenire velocemente negli indennizzi alle vittime e allo stesso tempo garantire a tutti i lavoratori la piena operatività dell’istituto. È l’obiettivo dell’Inail, l’istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, per quanto riguarda il sostegno all’area emiliana colpita dal terremoto.

A livello centrale, l’istituto ha manifestato la propria disponibilità ad anticipare le prestazioni previste dal Fondo di sostegno alle famiglie delle vittime di gravi infortuni sul lavoro, in attesa dell’adozione del relativo decreto di trasferimento.

A livello locale, «abbiamo attivato immediatamente gli interventi di vigilanza e controllo per verificare l’indennizzabilità dei lavoratori che hanno perso la vita ricorrendo a procedure più snelle rispetto ai tempi ordinari», ha affermato Alessandro Crisci, direttore Inail Emilia Romagna.

«Secondo la prassi devono essere le imprese a fare la denuncia di infortunio», ha precisato Crisci. «In questo caso, invece, sono stati i nostri ispettori a contattarle immediatamente e a chiedere, al contempo, il supporto delle associazione di categori». Stesso problema per quanto riguarda i Comuni, molti dei quali risultano inagibili o chiusi a causa dei danni provocati dal sisma. «Per procedere alle certificazioni di morte servono diversi documenti forniti dalle amministrazioni. In questo caso abbiamo cercato di ottenere solo i certificati minimi indispensabili pur di non rallentare gli iter burocratici».

Redazione – Intermedia Channel

Authors

Related posts

Top