SISMA EMILIA: UNIPOL VARA UN PIANO DI INTERVENTI

Il gruppo bolognese ha avviato una serie di iniziative a supporto di clienti, società civile, dipendenti, agenti, organizzazioni socie e fornitori.

Il Gruppo Unipol ha varato un piano di interventi a favore delle diverse categorie di stakeholder del gruppo presenti sul territorio (clienti, società civile, dipendenti, agenti, organizzazioni socie, fornitori) colpito dal terremoto in Emilia Romagna.

Per quanto riguarda gli interventi in favore della popolazione, Unipol ha deciso di promuovere una sottoscrizione interna, con cui si stima di poter raccogliere entro fine giugno almeno 500.000 euro raggiunti attraverso una raccolta volontaria presso i dipendenti, cui si aggiungerà un contributo volontario dei dirigenti, nonché un versamento da parte dell’azienda di importo pari a quanto raccolto presso il personale. A questi si aggiungerà il risultato dei contributi spontanei provenienti dalla vasta rete agenziale del gruppo.

La raccolta verrà destinata a uno o più progetti, individuati da Unipol d’intesa con la presidenza della Regione Emilia Romagna.

Per i clienti assicurati contro il rischio terremoto, Unipol ha attivato una task force liquidativa dedicata, finalizzata a una rapida perizia dei danni, al supporto della messa in opera di interventi di salvataggio e all’anticipo di indennizzi per accelerare la ripresa delle attività produttive. Inoltre, sono attualmente allo studio accordi con le Cooperative socie locali e altre realtà produttive per garantire la riparazione in forma specifica, attraverso la ricostruzione di fabbricati industriali con criteri antisismici.

Per i clienti che abbiano subito danni ai fabbricati assicurati contro l’incendio, ma non coperti da garanzia terremoto, è prevista l’offerta di un plafond dedicato di 10 milioni di euro da parte di Unipol Banca per finanziamenti a tasso agevolato, che si aggiungono ai 15 milioni di euro già stanziati dopo gli eventi sismici a favore delle popolazioni colpite. Inoltre, Unipol mette a disposizione delle aziende clienti il proprio fabbricato di Crespellano (in provincia di Bologna) per la temporanea gestione dell’attività produttiva.

Per tutti i clienti assicurativi e bancari del gruppo residenti in oltre 50 comuni colpiti dal sisma è stata decisa la proroga di 30 giorni dei termini per il pagamento delle rate dei mutui e dei premi assicurativi; per i clienti Rc auto, verrà applicato anche il blocco dei prezzi in assenza di sinistri.

Per i clienti dei Comuni colpiti dal sisma in forma più violenta, la proroga dei termini di pagamento dei premi è ampliata invece  a 90 giorni e, inoltre, è prevista la riduzione del 10% dei coefficienti territoriali Rc auto.

I dipendenti residenti nelle zone più gravemente colpite potranno usufruire, presso strutture di proprietà di Unipol, di alcuni appartamenti a Cento e di alcune stanze di albergo messe a disposizione a Bologna.

Per quanto riguarda le agenzie, saranno  messe a loro disposizione alcune unità mobili in container attrezzati e alcuni locali del gruppo in buone condizioni, oltre a essere previsti sostegni per la sistemazione dei locali danneggiati.

Redazione – Intermedia Channel

Authors

Related posts

Top