Slice Labs, raccolti 20 milioni di dollari in un ciclo di finanziamento di serie ‘A’

Slice

Slice

L’ulteriore finanziamento, guidato da The Co-operators, è finalizzato a globalizzare la piattaforma cloud proprietaria di assicurazioni on-demand e porta il totale dei fondi di serie ‘A’ raccolti a 31,6 milioni di dollari

Slice Labs, realtà operante nel campo delle piattaforme cloud per assicurazioni on-demand, ha annunciato di avere raccolto altri 20 milioni di dollari in un ciclo di finanziamento di serie ‘A’ guidato da Co-operators, con la partecipazione di XL Innovate, Horizons, Munich Re/HSB Ventures, SOMPO, VeroNorte, il ramo investimenti di Grupo Sura e JetBlue Ventures. Questo round esteso, di rilevante entità, sarà utilizzato per dare seguito alla domanda globale – superiore a quella pianificata – di servizi cloud assicurativi (ICS, Insurance Cloud Services).

Slice è stata lanciata nel 2016 con l’intenzione “di cambiare, migliorare e riprogettare il settore delle assicurazioni”. La piattaforma ICS – si legge in una nota – “sta trasformando le tradizionali società di assicurazione in imprese orientate ai servizi digitali, offrendo loro funzionalità che permettono di ideare, provare, collaudare e realizzare velocemente nuove polizze di assicurazione on-demand. Le principali società di assicurazione nel mondo hanno lanciato prodotti assicurativi on-demand utilizzando ICS” e Slice impiegherà questi nuovi fondi per continuare a espandere la sua offerta su scala mondiale.

“La piattaforma ICS cresce rapidamente mentre le società di assicurazione si rendono sempre più conto della necessità di avvalersi di una piattaforma cloud e del vantaggio competitivo offerto dal proporre polizze di assicurazione on-demand interamente digitali – spiega Tim Attia, amministratore delegato di Slice –. Questo gruppo eccezionale di investitori nuovi e che ritornano costituirà una risorsa straordinaria mentre continuiamo ad ampliare l’attività e a sperimentare con il potenziale ineguagliato di polizze di assicurazione digitali”.

La piattaforma ICS – prosegue la nota – “costituisce un servizio di elevato valore che mette in grado le società di assicurazione di lanciare nuove polizze di assicurazione digitali on-demand nell’arco di settimane. Appoggiandosi alla tecnologia dell’apprendimento automatico, a tecniche avanzate di analisi dei dati e a competenze nella scienza del comportamento in un modello a iscrizione e che include prezzi basati su API, valutazioni, concessione di licenze, procedure per i reclami e sottoscrizioni automatizzate, ICS rappresenta il passo successivo nel progresso della tecnologia delle assicurazioni”.

“Di pari passo con l’espansione dell’economia digitale, l’esclusiva piattaforma e l’approccio singolare di Slice consentiranno di sviluppare soluzioni per prodotti assicurativi innovativi, agili e costruiti su misura per le esigenze dei clienti, per adattarsi a un mondo in rapido cambiamento – aggiunge Rob Wesseling, presidente e amministratore delegato di The Co-operators –. Tramite la partnership stretta con Slice, stiamo investendo non solo in una tecnologia che ci permette di rimanere all’avanguardia nello sviluppo di tali soluzioni, ma anche nella nostra capacità a lungo termine di continuare a rispondere alle esigenze in evoluzione dei nostri membri e clienti”.

Slice ha inizialmente utilizzato la tecnologia alla base di ICS per lanciare il suo primo prodotto a ottobre 2016 e nel corso del 2017 ha succesivamente introdotto la piattaforma on-demand digitale negli Stati Uniti. Ha portato sul mercato la piattaforma ICS a gennaio 2018, riscontrando una notevole domanda a livello internazionale, incluso l’annuncio di tre nuovi clienti di Slice – XL Catlin (ora AXA XL), Legal & General e The Co-operators che utilizzano ICS per lo sviluppo di varie offerte assicurative on-demand.

Per sostenere la sua crescita, recentemente Slice ha inoltre annunciato che Philippe Lafreniere, executive di lunga esperienza nel settore delle assicurazioni, si è unito alla società per ricoprire la carica di Chief Growth Officer. Lafreniere – conclude la nota – “svolgerà un ruolo fondamentale nell’assistere le multinazionali delle assicurazioni a comprendere pienamente il valore che i modelli di polizze di assicurazione digitali on-demand possono avere sull’esperienza d’uso dei clienti”.

Intermedia Channel

Related posts

Top