SNA: DAL TAVOLO IMPRESE – AGENTI PROPOSTE DISPARITA’ DI TRATTAMENTO TRA AGENTI INTEGRATI E AGENTI LIBERI

E’ decisamente critico il primo giudizio di SNA sull’incontro di ieri tra l’associazione delle imprese assicurative e e quelle maggiormente rappresentative degli agenti professionisti (SNA, UNAPASS e ANAPA). “La posizione dell’associazione delle imprese non rappresenta in sé una novità – si legge nella nota del Sindacato Nazionale diffusa nella newsletter odierna –, ma è sorprendente l’insistenza” con la quale ANIA ha proposto alle rappresentanze degli agenti presenti all’incontro “di introdurre una differenziazione di trattamento tra agenti integrati, che “liberamente scelgono” di mantenere un patto di esclusiva con la compagnia ed agenti liberi, che hanno scelto di essere plurimandatari. Secondo questa visione, sarebbe naturale prevedere una disparità anche dal punto di vista delle tutele“.

SNA HiResMentre Anapa si è dichiarata contraria, in linea di principio, alla differenziazione di trattamento tra agenti mono e plurimandatari, Unapass si è mostrata possibilista, offrendo secondo lo SNA “un assist alle imprese  per fissare un prossimo incontro, finalizzato alla scrittura della nuova definizione di agente, che ANIA, appunto, vorrebbe differenziata in due figure“.

Il Sindacato Nazionale “si è dichiarato disponibile al dialogo – prosegue la nota – ed a condividere l’esame di possibili soluzioni finalizzate a rimodulare alcuni aspetti dell’accordo nazionale agenti vigente, ma contrario a qualsiasi discriminazione tra agenti monomandatari ed agenti plurimandatari, considerando la figura unica di agente un caposaldo non negoziabile. A quanto pare la discussione preliminare, al tavolo ANIA,  è ancora ferma a tematiche del passato, che ci auguravamo superate da tempo grazie alle novità legislative intervenute negli ultimi sette anni“.

SNA attende quindi una prossima mossa dell’associazione delle imprese su questo tema, mossa “dalla quale potrebbero dipendere la prosecuzione del confronto e le speranze di giungere in tempi ragionevoli ad una riforma di alcuni istituti dell’accordo nazionale agenti vigente“.

Intermedia Channel

Related posts

Top