SNA E AIBA SI PRONUNCIANO SUGLI EMENDAMENTI ALLA DIRETTIVA IMD2

Bandiera Unione Europea

Dalla newsletter SNA diffusa in data odierna, si apprende che in occasione della discussione degli emendamenti presso la Commissione Parlamentare Europea Affari Legali, SNA e AIBA hanno fatto pervenire ai commissari un documento di sintesi delle proprie posizioni comuni, “con l’obiettivo di sensibilizzare le forze politiche su alcuni aspetti ritenuti fondamentali“.

Il primo si fonda sulla necessità di tutelare le specificità dei canali distributivi esistenti nei diversi Stati Membri, obiettivo raggiungibile attraverso la flessibilità normativa a livello di singolo Stato. Altro principio da difendere, secondo le due associazioni, è quello della parità di condizioni normative per tutti coloro che nelle varie vesti intermediano e distribuiscono assicurazioni. Il documento SNA-AIBA – prosegue la nota –  sottolinea anche “l’inutilità e l’onerosità dell’obbligo di comunicazione delle remunerazioni degli intermediari, al quale, viceversa, i legislatori non sembrano voler rinunciare. Si evidenzia la necessità di salvaguardare il valore aggiunto di un sistema di intermediazione radicato sul territorio grazie alle piccole e medie imprese e, infine, si punta l’indice sulla necessità di semplificazione delle procedure“.

“Su questi punti – spiega Jean François Mossino, rappresentante dello SNA presso il BIPARAgenti e Broker hanno costituito un fronte unico in Europa, per avere più forza nell’ottenere attenzione dalle istituzioni e avere maggiori possibilità di conseguire risultato per l’intera categoria degli Intermediari Assicurativi Professionali”. L’iter di revisione della IMD – Insurance Mediation Directive – prevede passaggi in diverse altre Commissioni Parlamentari competenti.

Lettera accompagnatoria SNA-AIBA

Valutazioni SNA-AIBA sulle proposte di IMD2

Intermedia Channel

Related posts

Top