Stabilità finanziaria, risk dashboard ESRB e EIOPA

Mappamondo - Rischi globali Imc

Mappamondo - Rischi globali Imc

Nello scorso mese di ottobre sono stati pubblicati i report di valutazione – con riferimento al secondo trimestre 2018 – dei rischi e delle vulnerabilità per il complesso del settore finanziario dell’Unione Europea (ESRB) e per l’industria assicurativa europea (EIOPA).

Come riporta l’ultimo ANIA Trends, gli indicatori di rischio sistemico mostrano un quadro ancora caratterizzato da rischi macroeconomici valutati di livello medio, a causa degli elevati livelli di debito in diversi Paesi e settori e del rallentamento della crescita economica. Per quanto concerne il settore bancario, la redditività si è leggermente deteriorata nel secondo trimestre, mentre si è nel complesso rafforzata la resilienza delle aziende di credito europee.

Nel settore assicurativo gli indicatori di solvibilità e di redditività mostrano un aumento del Solvency ratio mediano salito oltre il 210% nel primo trimestre dell’anno in corso, proseguendo la tendenza al rialzo dal 180% circa del terzo trimestre 2016.

ANIA - EIOPA - Quadro dei rischi per il settore assicurativo IMC

Il miglioramento degli indicatori di solvibilità del settore assicurativo, spiegano dall’ANIA, è stato in parte determinato dal lieve aumento dei tassi risk-free e quindi delle curve di attualizzazione ai fini Solvency II (il tasso a dieci anni è passato dallo 0,19% del primo trimestre del 2016 allo 0,88% dell’analogo periodo del 2018). Quanto alla redditività, nell’assicurazione Danni la maggioranza delle imprese ha registrato dal terzo trimestre 2017 un combined ratio inferiore al 100%, suggerendo, quindi, una performance tecnica mediamente positiva per gli assicuratori del segmento. In termini di raccolta premi, sia il comparto Vita sia quello Danni hanno mostrato andamenti complessivi al rialzo.

Quanto ai rischi legati all’attività di investimento delle compagnie, non si è osservata, nell’ultimo periodo, alcuna modifica di rilievo nell’asset allocation complessiva. I rischi di credito permangono su livelli medi con un trend stazionario e con i portafogli obbligazionari nella fascia investment-grade. I rischi di liquidità e di funding risultano invece in aumento, a causa dei più elevati indici medi dei rendimenti a scadenza per un numero limitato di emissioni di titoli obbligazionari. I rischi relativi alla valutazione dei mercati, infine, rimangono stazionari a livello medio.

Nel complesso, conclude ANIA, non si esclude tuttavia un deteriorarsi della situazione a seguito delle tensioni sul piano politico e nel commercio internazionale.

Intermedia Channel


N.B.: Il contenuto della tabella inserita nell’articolo è stata elaborato e realizzato da ANIA a corredo della pubblicazione ANIA Trends 9/2018

Related posts

Top