STATISTICHE 2011 RELATIVE AD ALCUNI RAMI DANNI

ISVAP (2)

Il Servizio Rapporti Internazionali e Studi – Sezione Studi e Statistica dell’ISVAP ha pubblicato il report relativo alle statistiche relative alla gestione dei rami Infortuni, Malattia, Incendio ed elementi naturali e Responsabilità civile generale (portafoglio diretto italiano;anni 2006-2011).

Nel corso dei 2011, i rami in questione hanno contabilizzato complessivamente 10.484 milioni di euro, costituendo il 28,8% dell’intera produzione dei rami danni (29,6% nel 2010).

RAMO INFORTUNI

Raccolta premi

Nel 2011 i premi del lavoro diretto italiano raccolti nel ramo Infortuni dalle 87 imprese esercenti il ramo sono stati pari a 3.036 milioni di euro, con un decremento dello 0,4% rispetto all’anno precedente; con riferimento alle sole imprese che hanno esercitato il ramo Infortuni, la raccolta in tale ramo ha costituito l’8,4% dei premi complessivi delle assicurazioni danni di tali imprese (8,7% nel 2010). In particolare, la raccolta premi per fasce di mercato evidenzia che, nel 2011, le 10 imprese della prima fascia hanno realizzato il 69,7% del totale della raccolta Infortuni.

Incidenza dei costi di gestione

Le provvigioni di acquisizione e di incasso sono state nel 2011 pari al 24,3% dei premi lordi contabilizzati. Nel 2011 l’incidenza delle altre spese di acquisizione sui premi si è attestata al 3,9% risultando in leggero calo rispetto al valore registrato nel 2010, corrispondente al 4% dei premi. Le altre spese di amministrazione nel 2011 hanno visto crescere la loro incidenza sui premi, che si è attestata al 4,6%.

Pertanto, nel 2011 il peso delle spese di gestione complessive è stato pari al 32,7% dei premi, registrando una lieve riduzione rispetto all’anno precedente, quando aveva raggiunto il 33% dei premi contabilizzati.

Andamento dei sinistri

I sinistri denunciati nel 2011, indipendentemente dal loro anno di accadimento, sono stati 627.393 (-6,1% rispetto al 2010). Il ramo Infortuni è caratterizzato da una rapida liquidazione dei sinistri: infatti, entro l’anno successivo a quello d’accadimento, sono liquidati mediamente circa l’88,6% dei sinistri con seguito ed entro la fine del quinto anno circa il 99,5%, 13), mentre per quanto riguarda l’onere complessivo dei sinistri stessi, risulta pagato in media, rispettivamente, circa il 76,7% e circa il 98,2% del relativo importo.

I sinistri accaduti nel 2011 sono stati pagati ad un costo medio di 2.012 euro (+2,9% rispetto ai sinistri 2010) e riservati mediamente a 3.567 euro (+2,9% rispetto ai sinistri 2010). Il costo medio complessivo (pagato e riservato) dei sinistri avvenuti nel 2011 è stato pari a 2.901 euro (+2,5% rispetto al 2010); se si considerano anche le stime per sinistri tardivi (IBNR), è ammontato a 2.839 euro.

Il rapporto tra la riserva sinistri complessiva e i premi contabilizzati nel 2011 ha raggiunto il 65,4%, in lieve calo rispetto al 65,9% del 2010.

RAMO MALATTIA

Raccolta Premi

Nel 2011 i premi del lavoro diretto italiano raccolti nel ramo Malattia dalle 81 imprese operanti nel ramo sono stati pari a 2.172 milioni di euro, con un incremento dello 0,2% rispetto all’anno precedente. Riguardo alle sole imprese che hanno esercitato il ramo Malattia, la raccolta premi di tale ramo ha rappresentato, nel 2011, il 6,2% dei premi complessivi delle assicurazioni danni di tali imprese (6,3% nel 2010). In particolare, la raccolta per fasce di mercato evidenzia che nel 2011 le 6 imprese della prima fascia hanno realizzato il 55,3% dei premi del ramo.

Incidenza dei costi di gestione

L’incidenza delle provvigioni di acquisizione e di incasso sui premi lordi contabilizzati nel periodo ha registrato nel 2011 una sensibile diminuzione passando dal 20,1% al 18,8%. L’incidenza sui premi delle altre spese di acquisizione, nel 2011 pari al 3,3% dei premi, ha registrato una crescita rispetto al 3,1% del 2010, mentre il peso delle altre spese di amministrazione si è ridotto al 4,1% (stesso valore nel 2010).

Nel 2011, pertanto, l’incidenza delle spese di gestione complessive sui premi contabilizzati si è ridotta, portandosi dal 27,3% del 2010 al 26,2%.

Andamento dei sinistri

I sinistri denunciati nel 2011, indipendentemente dal loro anno di accadimento, sono stati 4.043.704 (+12,9% rispetto al 2010). Nel ramo Malattia i sinistri sono liquidati rapidamente: infatti, entro l’anno successivo a quello d’accadimento, sono liquidati mediamente circa il 96,8% dei sinistri con seguito ed entro la fine del quinto anno circa il 99,8% dei sinistri stessi, mentre per quanto riguarda l’onere complessivo dei sinistri, risulta pagato in media, rispettivamente, il 92,9% ed il 99,4% del relativo importo.

I sinistri accaduti nel 2011 sono stati pagati ad un costo medio pari a 392 euro (-10,3% rispetto ai sinistri 2010) e riservati mediamente a 620 euro (-16,2% rispetto ai sinistri 2010). Il costo medio complessivo (pagato e riservato) dei sinistri avvenuti nel 2011 è stato pari a 435 euro (-11,4% rispetto al 2010); se si includono anche le stime per sinistri tardivi (IBNR), è ammontato a 404 euro.

Il rapporto tra la riserva sinistri complessiva ed i premi contabilizzati è risultato in crescita ed ha raggiunto il 46,8% (45,8% nel 2010).

RAMO INCENDIO ED ELEMENTI NATURALI

Raccolta Premi

Nel 2011 i premi del lavoro diretto italiano raccolti nel ramo Incendio ed elementi naturali dalle 72 imprese esercenti il ramo, sono ammontati a 2.343 milioni di euro, con un leggero decremento dello 0,2% rispetto all’anno precedente. Con riferimento alle sole imprese che hanno esercitato il ramo Incendio ed elementi naturali, la raccolta in tale ramo ha costituito il 6,6% dei premi complessivi delle assicurazioni danni di tali imprese (6,8% nel 2010). In particolare, la raccolta premi per fasce di mercato evidenzia che, nel 2011, le 8 imprese di prima fascia hanno realizzato il 68,1% del totale della raccolta Incendio ed elementi naturali.

Incidenza dei costi di gestione

Le provvigioni di acquisizione e di incasso nel 2011 sono state pari al 22,3% dei premi lordi contabilizzati, come nel 2010. Nel 2011 l’incidenza sui premi delle altre spese di acquisizione è risultata invariata rispetto al 2010, attestandosi al 4%, mentre il peso sui premi delle altre spese di amministrazione, pari al 4,5%, ha mostrato un leggero aumento rispetto al 4,4% del 2010.

Le spese di gestione complessive, nel 2011, hanno, pertanto, inciso sui premi contabilizzati per il 30,7%, risultando praticamente invariate rispetto al 30,8% del 2010.

Andamento dei sinistri

I sinistri denunciati nel 2011, indipendentemente dal loro anno di accadimento, sono stati 311.744 (-10,3% rispetto al 2010). Il ramo Incendio ed elementi naturali è caratterizzato da una rapida liquidazione dei sinistri: infatti, entro l’anno successivo a quello d’accadimento, risultano liquidati mediamente circa il 96,5% dei sinistri con seguito ed entro la fine del quinto anno circa il 99,6%, mentre per quanto riguarda l’onere dei sinistri stessi, risulta pagato in media, rispettivamente, circa il 79,1% ed il 96% del relativo importo.

I sinistri accaduti nel 2011 sono stati pagati ad un costo medio pari a 2.516 euro (+1,1% rispetto ai sinistri 2010) e riservati mediamente a 13.369 euro (+31% rispetto ai sinistri 2010). Il costo medio complessivo (pagato e riservato) dei sinistri avvenuti nel 2011 è stato pari a 5.261 euro (+16% rispetto al 2010); se si includono anche le stime per sinistri tardivi (IBNR), è ammontato a 5.147 euro.

Il rapporto tra la riserva sinistri complessiva e i premi contabilizzati è stato pari all’83,2% (83,6% nel 2010).

RAMO RESPONSABILITA’ CIVILE GENERALE

Raccolta Premi

Nel 2011 i premi del lavoro diretto italiano raccolti nel ramo Responsabilità civile generale dalle 68 imprese che hanno esercitato il ramo sono stati pari a 2.933 milioni di euro, con un decremento dell’1,1% rispetto al 2010. La raccolta Responsabilità civile generale realizzata dalle imprese che hanno esercitato il ramo ha costituito l’8,3% dei premi complessivi delle assicurazioni danni di tali imprese (8,6% nel 2010). La raccolta premi per fasce di mercato evidenzia che nel 2011 le 10 imprese appartenenti alla prima fascia hanno realizzato il 77,9% del portafoglio premi complessivo del ramo Responsabilità civile generale.

Incidenza dei costi di gestione

Nel 2011 le provvigioni di acquisizione e di incasso hanno inciso sui premi lordi contabilizzati per il 21,2%, accentuando la tendenza alla crescita. Anche l’incidenza delle altre spese di acquisizione pari, nel 2011, al 4% dei premi, è risultata in crescita rispetto all’anno precedente (3,8% nel 2010). In crescita risulta anche l’incidenza delle altre spese di amministrazione, che raggiunge il 4,3% dei premi, rispetto al 4,1% del 2010.

Le spese di gestione, nel 2011, hanno, pertanto, complessivamente inciso sui premi contabilizzati per il 29,5%, in netta salita rispetto al 28,3% del 2010.

Andamento dei sinistri

I sinistri denunciati nel 2011, indipendentemente dal loro anno di accadimento, sono stati 507.378, risultando in calo dell’8,7% rispetto al 2010. Il ramo Responsabilità civile generale presenta le caratteristiche tipiche di ramo a lenta liquidazione dei sinistri: infatti, entro l’anno successivo a quello d’accadimento sono stati pagati mediamente circa il 79% dei sinistri con seguito ed entro la fine del quinto anno circa il 94,3%, mentre per quanto riguarda l’onere complessivo dei risarcimenti, è stato mediamente pagato, rispettivamente, circa il 33% e il 65,3% del relativo importo.

I sinistri accaduti nel 2011 sono stati pagati ad un costo medio pari a 1.693 euro (+2,6% rispetto ai sinistri 2010) e riservati mediamente a 8.128 euro (+1,8% rispetto ai sinistri 2010). Il costo medio complessivo (pagato e riservato) dei sinistri avvenuti nel 2011 è stato pari a 4.933 euro (+0,1% rispetto al 2010); se si comprendono anche le stime per sinistri tardivi (IBNR), il costo medio è ammontato a 5.439 euro.

Il rapporto tra la riserva sinistri complessiva e i premi contabilizzati si è confermato in crescita e pertanto nel 2011 ha raggiunto il 445,7%.

Consulta e scarica il report statistico dei rami Infortuni, Malattia, Incendio ed elementi naturali e Responsabilità civile generale

Intermedia Channel

Related posts

Top