STOP ALLA MOBILITA’ PER I LAVORATORI LICENZIATI PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO

INPS - Sede Roma Eur (2) Imc

Con la circolare 13/2013 pubblicata nella giornata di ieri (28 gennaio 2013), l’Inps (nella foto, la sede centrale di Roma) ha riassunto il quadro delle principali disposizioni in materia di contribuzione dovuta dai datori di lavoro in genere, destinate a produrre effetti nel corso del 2013. L’anno in corso, infatti, si caratterizza per l’entrata in vigore di una buona parte delle disposizioni contenute nella legge n. 92/2012 di riforma del mercato del lavoro. Una delle novità più significative riguarda la possibilità di iscrizione nelle liste di mobilità per i lavoratori licenziati per giustificato motivo oggettivo, per i quali non ricorrono le condizioni per l’attivazione delle procedure di mobilità.

A partire dal 1° gennaio 2013 tali lavoratori non possono più iscriversi a tali liste e non sarà più possibile reinserirli nel mercato del lavoro in modo agevolato. Rimangono in vigore l’iscrizione nelle liste di mobilità dei lavoratori oggetto di licenziamento collettivo e gli incentivi previsti per la loro assunzione, secondo quanto già illustrato dall’istituto con la circolare 137/2012.

Intermedia Channel

Related posts

Top