Tag Archives: consorzio bancario

Generali salirà al 100% di Citylife

Lettera dei due grandi soci alle banche finanziaria per preannunciare il riassetto azionario. Allianz in uscita dal capitale, pronta all’acquisto della torre Isozaki Citylife procede verso il riassetto azionario. La lettera è datata 10 ottobre ed è indirizzata alle banche finanziatrici. Il tema è di rilievo: con questa lettera, della quale «Il Sole 24 Ore»

Fondiaria SAI - Palazzo

Fondiaria Sai pronta all’asta dell’inoptato

Da lunedì scatta il via all’ultima fase dell’aumento di capitale insieme a Unipol A cinque giorni dall’apertura dell’asta per l’inoptato degli aumenti di capitale Unipol e Fondiaria-Sai, i due titoli che saranno al centro della vendita da parte del consorzio di garanzia beneficiano del rally di Borsa di questi giorni: la compagnia bolognese ieri ha

Esterno Sede Fondiaria Sai Torino

Fonsai e il diktat bancario

Le banche hanno detto basta ai Ligresti, alla buonora! Salvo imprevisti la saga della famiglia siciliana si è conclusa lunedì scorso all’assemblea della Premafin quando i suoi esponenti, che detenevano la maggioranza dei voti al meeting, hanno dovuto accettare l’aut-aut degli istituti di credito. «O votate a favore dell’aumento di capitale riservato ad Unipol –

Esterno Sede Fondiaria Sai Torino

Per FonSai 210 milioni a rischio

Cosa fatta, capo ha. La curatela fallimentare su Imco e Sinergia – con il 20% di Premafin in portafoglio, i cui diritti di voto sono però già in mano alle banche – non avrà l’effetto di riavvolgere il film della tormentata assemblea di lunedì, quando è stato deliberato l’aumento di capitale fino a 400 milioni

Mediobanca Imc

Ok delle banche al riassetto Premafin

Premafin e le banche creditrici firmano l’accordo per la ristrutturazione dei debiti e intanto i manager di Fonsai e Unipol incontrano l’Isvap in vista del suo pronunciamento sull’integrazione tra i due gruppi. Facendo seguito alla delibera dell’assemblea di Premafin che il giorno precedente aveva approvato l’aumento di capitale riservato alla compagnia emiliana, la holding ha

Unicredit - Sede Milano Imc

Premafin, le banche stringono: «Ricapitalizzazione entro il 20 luglio»

C’è tempo fino al 20 luglio per mandare in porto la ricapitalizzazione di Premafin. Le banche creditrici vogliono blindare l’operazione prima che scada l’esclusiva di Unipol. Ieri hanno aspettato riunite l’esito dell’assemblea, pronte a firmare immediatamente l’escussione del pegno sulle azioni FonSai, nel caso in cui le cose non fossero andate secondo programma. Alla fine

Premafin

Premafin: ristrutturazione debito, sì condizionato delle banche

Le banche creditrici di Premafin si sono riunite domenica per preparare tutte le carte, in modo da essere pronte a due eventualità, che sono antitetiche: dare il via libera definitivo al piano di ristrutturazione del debito di Premafin, oppure avviare l’escussione del pegno sul 35,7% di FonSai, abbandonando la holding al suo destino. La loro

Fondiaria SAI - Sede Intera

FonSai: È arrivata l’ora di scoprire i bluff

Intendiamoci: qui il mercato non c’entra, se non come vacca da mungere in un momento in cui il latte è comunque scarso. Quella su FonSai non è una battaglia di mercato, bensì una battaglia d’interessi. L’interesse di Sator e Palladio è quello di essere della partita. E, per avere una chance di entrarci, hanno dovuto

Fonsai: i Ligresti rompono con Unipol. Gli scenari aperti

I Ligresti rompono con Unipol. Con una nota inviata questa mattina Jonella e Paolo hanno espresso perplessità rispetto all’operazione di integrazione tra Fondiaria Sai e la compagnia bolognese ma soprattutto hanno fatto sapere di non avere alcuna intenzione di rinunciare alla manleva e al diritto di recesso, due condizioni chiave per rendere efficace il maxi

Fondiaria SAI - Brochure

Unipol, ultimatum ai Ligresti e FonSai

Trattativa nella notte tra i vertici delle quattro società dopo il board della compagnia bolognese. Tensioni sulle diverse valutazioni patrimoniali. L’attesa per l’assemblea Premafin del 12 giugno che sarà decisiva per il riassetto. L’Isvap ha ricevuto la bozza del provvedimento Antitrust: l’aggregato che nascerà dalla fusione dovrà cedere attività per 1,5 miliardi Unipol ha rifiutato

Top