Tag Archives: convertendo

UnipolSai: Emesso il bond convertendo da 201,8 milioni di Euro

UnipolSai Assicurazioni ha emesso oggi il prestito obbligazionario convertendo per complessivi Euro 201,8 milioni deliberato dal cda societario lo scorso 15 gennaio 2014. Il prestito – informa una nota della compagnia – è stato sottoscritto per 134,3 milioni di Euro dalle banche creditrici che avevano approvato l’accordo di ristrutturazione del debito di Premafin (esclusa GE

Emesso il convertendo Premafin

Il prestito vale 201,8 milioni e sarà sottoscrìtto da banche e Ugf Il consiglio di amministrazione di UnipolSai riunito ieri ha anche deliberato di dar seguito all’emissione del prestito convertendo da 201,8 milioni. Strumento deciso in occasione del maxi riassetto per ristrutturare l’allora debito di Premafin. La decisione è stata presa, come comunicato dalla società,

UnipolSai HiRes Rettangolare

UnipolSai affronta il nodo rnc

La compagnia è pronta a semplificare la struttura del capitale ma chiude alle richieste dell’avvocato Trevisan. Gli azionisti di risparmio danno battaglia anche sulla questione convertendo Chiusa la fusione di UnipolSai e avviata, da lunedì 6, la quotazione del titolo a Piazza Affari (che ieri ha perso il 6%), c’è già un altro dossier sulla

FonSai, soci risparmio allo scontro

Giovedì 12 la nuova assemblea degli azionisti rnc di categoria A Tornano a riunirsi i soci di risparmio di categoria A di Fondiaria-Sai, pronti a dare di nuovo battaglia. La convocazione è prevista per la prossima settimana e la prima chiamata sarà martedì 10, anche se è più probabile che la riunione si terrà in terza

Consob, faro sulle Generali

Verifiche su possibili conflitti d’interesse nella vendita di Telecom Argentina. Il no all’operazione del consigliere Calvosa motivato dai «collegamenti» di un socio di Telco Le attenzioni di Consob sulle recenti mosse di Telecom Italia in termini di cessione di asset e di raccolta di mezzi freschi chiamerebbero in causa, anche se per aspetti per lo

Il debito Uni-Sai resta alle banche

Il convertendo da 201,8 milioni non sarà più offerto ai soci della nuova compagnia. Il piano originario prevedeva che il prestito fosse proposto agli azionisti per evitare l’effetto diluitivo della conversione nel 2015. Ma la complessità dello strumento ha sconsigliato di seguire questa strada Non sarà più offerto agli azionisti della nuova Unipol-Sai, come era

Unipol - Fondiaria Sai Imc

Unipol-Sai offrirà ai soci il convertendo da 202 milioni

Ugf si farà carico di 134 mln del debito ex Premafin. La quota da 67,5 mln sarà proposta agli azionisti. Dalle banche ok informale Una deliberazione formale da parte delle banche creditrici di Premafin non c’è ancora stata. Tuttavia nell’ambito delle negoziazioni in corso tra i vertici di Unipol Gruppo Finanziario (Ugf) e i creditori

Premafin

Premafin, ultimatum delle banche

Banche compatte sul riassetto del debito Premafin: non si firma alcuna convenzione finché non verrà trovato l’accordo sui concambi per la Grande Unipol. Ma soprattutto l’attuale struttura del piano di sistemazione dell’esposizione (400 milioni) non verrà cambiato di una virgola. È questo l’esito del summit di ieri tra gli istituti e la holding. Vertice che

Unicredit - Sede Milano Imc

Premafin: richiesta alle banche di convertire i crediti

«Tutto dovrà essere visto non nel singolo dettaglio ma in complessivo». Sono parole di Federico Ghizzoni, amministratore delegato di UniCredit, e in quanto tale primo creditore della Premafin. Il riferimento è all’opzione, al vaglio nelle ultime ore, di chiamare le banche a uno sforzo ulteriore sulla holding convertendo in equity tutta l’esposizione, ossia 400 milioni.

Unipol - Fondiaria Sai Imc

Unipol ancora distante da Premafin

Primo incontro sulle valutazioni, i due gruppi lontani dall’accordo. Bologna punta a una trattativa separata: aumento di capitale da un lato, concambi dall’altro. La controparte non ci sta. Un doppio summit per il maxi riassetto Unipol-Fondiaria Sai: uno in casa di Banca Leonardo tra Premafin e Unipol e l’altro in Goldman Sachs tra l’advisor e

Top