Tag Archives: finint

Generali - Facciata sede Trieste Imc

Generali, Amenduni e i soci nascosti

Generali, Amenduni e i soci nascosti

(di Stefano Righi – L’Economia del Corriere della Sera) La famiglia vicentina dell’acciaio, dopo aver liquidato con 60 milioni Palladio, pensa al raddoppio dentro Ferak. La cassaforte controlla l’1,6 per cento del Leone, ma deve fare i conti con le difficoltà di Finint e Veneto Banca Sono rimasti soli, una famiglia. Dopo la Grande Crisi

Generali - Facciata sede Trieste Imc

Generali non pesa più sui conti Ferak

(di Andrea Giacobino – Milano Finanza) Gli azionisti veneti guidati dagli Amenduni ha deciso di non svalutare il pacchetto di 124 milioni di titoli del Leone che resta in carico a 21 euro per azione. A nuovo la perdita di 4,2 milioni Gli azionisti veneti smettono di pagare un conto salato sulla loro partecipazione in

Generali - Mogliano Veneto (2) Imc

Per i soci privati del Leone la priorità è la creazione di valore

(di Marigia Mangano – Il Sole 24 Ore) Il nocciolo duro dei soci di Trieste conta sul 25%. La posizione più condivisa è che ben venga la difesa delle Generali, ma a patto che non spiani la strada ad altre mire estere Garantire la “stabilità” dell’assetto azionario delle Generali e difenderla da possibili incursioni esterne.

Trieste - Tribunale (2) Imc

Il gip archivia, nessun reato per gli ex vertici di Generali

(di Corrado Barbacini – Il Piccolo) Accolta la richiesta presentata a fine agosto dal pm per Giovanni Perissinotto e Raffaele Agrusti Il gip ha messo la parola fine al “caso Generali”. Nessun reato da parte dell’ex ad Giovanni Perissinotto e dell’ex Cfo Raffaele Agrusti. Lo ha scritto a chiare lettere il giudice Guido Patriarchi che

Generali - Leone alato (2) Imc

«Generali, nessun reato per gli ex vertici»

(di Corrado Barbacini – Il Piccolo) La maxi-inchiesta avviata nel 2013 su sette operazioni finanziarie: il pm chiede l’archiviazione per Perissinotto e Agrusti Nessun reato da parte dell’ex ad di Generali, Giovanni Perissinotto e dell’ex Cfo Raffaele Agrusti nella maxi-inchiesta su sette operazioni finanziarie, avviata nell’autunno 2013. Lo scrive il pm di Trieste Matteo Tripani,

Enrico Marchi Imc

Generali e Finint sciolgono l’ultimo legame azionario

(di Laura Galvagni – Il Sole 24 Ore) Marchi e de Vido hanno acquistato dal Leone il 10% della finanziaria. L’operazione vale attorno a 10 milioni. Marchi: «Abbiamo chiusi i rapporti con un bilancio positivo per entrambi» Generali e Finint sciolgono l’ultimo legame azionario. Le famiglie Marchi e de Vido hanno rilevato dalla compagnia assicurativa

Veneto Banca - Centro Direzionale Imc

Per Veneto Banca si avvicina l’uscita da Generali

(Autore: Luca Gualtieri – Milano Finanza) L’uscita dal salotto del Nordest è stato uno dei primi progetti messi sul tavolo da Francesco Favotto dopo la nomina alla presidenza di Veneto Banca (nella foto, il centro direzionale di Montebelluna, in provincia di Treviso). Oggi quell’obiettivo si avvicina grazie alle trasformazioni in atto nella ragnatela di partecipazioni

Generali - Facciata sede Trieste Imc

Generali, Effeti verso lo scioglimento

(Autore: Luigi Dell’Olio – Il Piccolo) Addio all’asse fra Fondazione CrTorino e la finanza veneta di Ferak. I possibili scenari É in movimento la galassia finanziaria del Nord-Est che, sin dall’arrivo di Mario Greco al timone di Generali, ha cominciato ad allentare i rapporti con il gruppo triestino, che risultavano molto solidi ai tempi di

Tutti i segreti della grande guerra nelle Generali

Assalto a Trieste, l’amministratore delegato Greco chiede ai due top manager suoi predecessori danni per 66 milioni. Ecco le carte del processo Le strade degli affari che portano alle Assicurazioni Generali di Trieste, storico crocevia della finanza italiana, da sempre seguono percorsi lunghi, intricati, imprevedibili. Capita che passino dal Veneto ma anche da Piazzetta Cuccia,

Ex vertici delle Generali: Agrusti tre ore dal giudice, memoriale di Perissinotto

Quasi tre ore davanti ai pm. L’ex dg delle Generali, Raffaele Agrusti, è stato a lungo interrogato ieri mattina a Trieste nell’ambito dell’inchiesta che lo vede indagato – assieme all’ex ceo del Leone, Giovanni Perissinotto – con l’accusa di “ostacolo all’esercizio delle autorità pubbliche di vigilanza“. In pratica ciò che i sostituti procuratori titolari del

Top